Autore:
M.A. Corniche

Poca spesa tanta resa, un motto che è sempre più necessario rincorrere. I budget proposti sono indicativi e suggeriscono quanto è giusto investire per spendere bene il proprio denaro. La scelta, eccezion fatta per la Mercedes G, è su auto recenti con 4-5 anni di vita al massimo.
Meglio leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l'usato. Anche se il prezzo d'acquisto è decisamente abbordabile, è meglio fare i conti con spese fisse, tassa di circolazione e assicurazione, e manutenzione, avendo almeno una idea del costo di un tagliando senza imprevisti. Auto grande, gomme grandi, prezzo grande: anche questo è un dettaglio da valutare.

E poi, come fare per evitare il bidone?
La nasometria è sempre lo strumento più preciso per evitare sorprese, ma è necessario avere un naso allenato o quantomeno sensibile. Se un'auto a pelle non vi convince, lasciate perdere, il bidone è ben nascosto ma il vostro istinto l'ha scoperto.
Prima di decidere, fatevi un bel training autogeno ed evitate la frenesia ossessivo compulsiva all'acquisto o l'autoconvincimento della bontà dell'esemplare: lasciate perdere, a tentare di convincervi ci pensa già il venditore. Che se vi vede caldi non scenderà mai di un centesimo e potrà rifilarvi qualsiasi bidone. Meglio farsi accompagnare dall'amico antipatico che tenta o fa finta di convincervi che non state facendo un buon acquisto.

Buona norma è acquistare un esemplare garantito, condizione obbligatoria se chi vende non è un privato. Negli altri casi, fate bene attenzione a cosa offre la garanzia del venditore, a volte limitata a condizioni estreme come la solita invasione di elefanti rosa nel momento della rottura.

Due dritte per un primo esame al volo?
-Guardate bene la vernice in condizioni di luce favorevoli e assicuratevi che lamiere e vernici siano lisce, omogenee e regolari. Riflessi strani e vernici differenti indicano riparazioni malfatte.
-Verificate che le gomme siano consumate in maniera omogenea, che pedali, volante e sedili non dimostrino chilometraggi da giro del mondo e, aperto il cofano, che il motore trattenga bene all'interno i suoi fluidi. Una scorsa al libretto di manutenzione vale come curriculum vitae e un giro su strada può rivelare sinfonie di rumori sospetti. E tutto aiuta a far capire se c'è affinità di coppia.


SEI BELLE E POSSIBILI SU CUI PUNTARE


Jaguar XK

Ora è stata sostituita dal nuovo modello, ma rimane la vera erede della E-type. Elegantissima tanto da far girare la testa anche a chi delle auto importa quanto del sistema riproduttivo dello scarabeo stercorario, rimane un'auto senza tempo, capace di invecchiare senza che una ruga segni il tempo sulla sua carrozzeria sinuosa. Gli elegantoni sceglieranno la coupé (che costa anche un bel cinquemila euro in meno) e i buongustai la versione XKR, con grigliette d'antan, compressore volumetrico e sospensioni più adatte a una sportiva. Il colore giusto? Blu Jaguar pastello o il classico BRG, British Racing Green.

Motori V8 4.2
Dimensioni 476x183cm
Produzione 1996-2006
Budget 15-25.000 euro


Mercedes G

Ai tempi del suo debutto la Range Rover le ha segato le ruote, più comoda e più elegante, ma la G ha sempre avuto un'aura di esclusività capita soltanto da pochi, in genere sceicchi arabi. Mai stata in grado di stimolare adeguatamente il punto G dei fighetti d'assalto è una delle poche Mercedes che si conquista un posto nell'Olimpo delle senzatempo, austera, squadrata come un frigorifero e refrattaria a elaborazioni da quarto passaggio di mano. Alter ego aristocratico dell'altro caposaldo delle fuoristrada, la Land Rover Defender, è anche una delle ultime, vere Mercedes, di quelle capaci di fare il giro del contachilometri. Per contenere il budget, però bisogna cercare nella produzione fine anni 90.

Motori (2000) 3.0 e V8 5.0 a benzina, 2.7 e V8 4.0 a gasolio
Dimensioni 423x176cm
Produzione restyling
1996-oggi
Budget 20.000 euro



Audi A2
Grande piccola incompresa.
Una formula geniale, piccola fuori ma grande dentro, trasformabile alla bisogna in furgoncino. E una forma inusuale, modernissima, che ha lasciato dapprima perplessi ma che avrebbe dovuto fare impazzire i soliti noti sempre alla ricerca di oggetti con cui distinguersi. Invece, non ha fatto breccia nemmeno la sua carrozzeria tutta in alluminio che le assicura prestazioni da campionessa anche con motori minuscoli. Al marketing Audi hanno sonnecchiato e l'hanno lasciata morire, povera piccola. Pensare che era l'unica vera concorrente della Mini...
Motori 1.4 e 1.6 a benzina, 1.2 e 1.4 TDI
Dimensioni 382x167 cm
Produzione 1999-2005
Budget 7-10.000 euro


Saab 9-5 SW

Oltre che una grande incompresa è anche una incompresa grande. Svedesemente elegante non ha mai raccolto troppi entusiasmi, ma ha una linea classica che rischia di invecchiare bene, evitando frequentazioni nomadi. Sostituita da un aggiornamento un po' forte, oggi usata costa come una utilitaria ma offre comfort e spazio da regina, finiture eccellenti e il fascino di una vecchia Saab. Le più recenti offrono anche un 2.2 a gasolio adatto alle esigenze quotidiane quanto il tremila turbodiesel, oppure si può puntare sugli agili motori turbo a benzina a bassa pressione.

Motori (2002) 2.0, 2.3, 3.0 benzina, 2.2 e 3.0V6 diesel
Dimensioni 481x179cm
Produzione 1998-2006
Budget 10.000 euro


Subaru Outback

Bella forse non è, ma ha grande fascino oltre che lo jus prime noctis sulla formula delle wagon rialzate a mo' di fuoristrada. E con la sua trazione integrale, unita al grande bilanciamento dei pesi su cui in Subaru sono veri maniaci, offorad ci va davvero e supera ostacoli che fuoristrada veri fanno fatica ad affrontare, come la banale nevicata in montagna. È uno degli acquisti usati più facili grazie alle sue doti di indistruttibilità e trovare l'esemplare malato è indice di grande sfortuna. È sempre piaciuta a un ristretto manipolo di fighetti defilati e continuerà a piacere a chi degli status symbol scontati fa carta straccia.

Motori 2.5 e 3.0 a benzina
Dimensioni 460x174cm
Produzione 2000-2003
Budget 10-15.000 euro


Audi Allroad

Aveva le carte in regola per anticipare il successo della Porsche Cayenne tra i vanesi del volante, e invece ha fatto la sua onorata carriera senza picchi estremi di notorietà. Auto terribilmente chic nello stile, con le sospensioni rialzate per una minima agilità offroad, le pinne sulle fiancate e il tetto scuro a piegoline, rimarrà chic anche ora che è stata sostituita dalla nuova serie. Solidità Audi, prestazioni sportive, gran comfort completano le motivazioni di acquisto, oltre a un prezzo da wagon mediocre anche per esemplari recenti. Se la usate soltanto nel fine settimana e la destinazione è vicina, gli assetati motori a benzina la nobilitano.

Motori 2.5 V6 TDI diesel, 2.7T 5 cilindri e V8 4.2 benzina
Dimensioni 481x185cm
Produzione 2000-2006
Budget 15-20.000 euro



TAGS: belle e possibili