Autore:
Silvio jr. Suppa

ACID TOY Potrebbe essere lo studio di un designer d’interni. Le linee moderne, i colori che acidificano l’abitacolo più di uno yogurt bianco, elettronica da sprecare. Più che un minivan, un giocattolone a grandezza naturale.

HY-WYRE E invece no. Sotto i quattro metri di lunghezza del Mobile Terrace c’è praticamente la piattaforma più avanzata disponibile alla General Motors (di cui Suzuki è parte): il sistema Hy-Wyre. Una futuribile meccanica a celle di combustibile, racchiusa nel pianale su cui poggia l’auto.

PULLMINO Una delle più interessanti innovazioni degli ultimi anni, che adesso dà prova della sua versatilità vestendosi alla giapponese. Il risultato è un veicolo in grado di trasportare sei persone in 4,05 m, da cui il nome che in italiano suonerebbe più o meno come “Terrazza Mobile”. Lo sfruttamento degli ingombri è da monovolume nipponica: la larghezza tocca i 169 cm e l’altezza raggiunge un metro e 74.

CONSOLE Dentro gli stilisti hanno rovesciato sulla plancia qualcosa di molto simile a un sistema di home entertainment, con casse da hi-fi e schermo a 22 pollici che andrebbe bene anche in sala da pranzo. La chiamano console multifunzione. Poi ci sono tutte le originalità ergonomiche che la tecnologia drive-by-wire ha consentito, come la soppressione dei pedali (rimpiazzati dalla moquette).

DICIOTTO POLLICI Completano le ruote 225/40 R 18, che lasciano ai sei viaggiatori lo spazio per un passo di ben tre metri.


TAGS: suzuki mobile terrace