Autore:
M.A. Corniche

Cosa non fa Seat per attestare il suo ruolo di marchio sportivo del Gruppo Volkswagen. Ora presenta una GT fatta apposta per le competizioni, disegnata con gli stilemi di Salsa e Tango, prime creature del nuovo stile Seat.

Tonda tonda, arancio con una grande ala posteriore nera, la Cupra GT è stata sviluppata da SEAT Sport in collaborazione con il nuovo Centro Design SEAT di Sitges (poco distante da Barcellona), destinata ai Clienti sportivi della SEAT Sport (team e preparatori) ed è stata creata esclusivamente per le competizioni.

La carrozzeria in fibra di carbonio riprende i primi accenni del nuovo stile Seat mostrati da Salsa e da Tango, con grandi bocche di aspirazione che si aprono come voragini alla fine della linea dei finestrini. Bassa e larga (4,56 metri di lunghezza, 2,10 metri di larghezza e 1,19 metri di altezza) ha portiere che si aprono ad ala di gabbiano, con la cerniera posta all’interno della parte superiore del montante.

Sotto il lunotto batte un cuore tre litri V6 biturbo capace di erogare più di 500 cavalli con 600 Nm di coppia massima a 5.250 giri, abbinato a un cambio sequenziale a sei marce e alla trazione posteriore. Niente male pensando che deve spostare 1100 chilogrammi di peso: la velocità massima è di 295 km/h, con 4,2 secondi per raggiungere i 100 km/h partendo da fermi.

Anche la decelerazione da 100 a 0 km/h promette bene, con i dischi freno autoventilati da 378mm di diametro anteriori e 355 posteriori strizzati da pinze AP ben in vista dietro i cerchi monodado a sei doppie razze da 18 pollici con pneumatici 265/650 anteriori e 285/650 posteriori.

Vista lateralmente, la Cupra GT evidenzia la “Linea Dinamica”, un segno che ricorda l’arco creato da Walter de’ Silva, Direttore del Centro Design SEAT, quando progettò la concept car Salsa. Questa linea, che imprime carattere alle fiancate nasce dal frontale, si alza in maniera discreta sopra il passaruota anteriore e continua il suo percorso scendendo dolcemente fino al robusto montante posteriore.

La parte frontale ha una sporgenza molto contenuta. La calandra, che ricorda quella della concept car Tango, è impreziosita da un profilo color titanio e accoglie, al centro, il simbolo SEAT. Nella parte inferiore, trovano posto ampie prese d’aria.

Nella zona posteriore risalta soprattutto il grosso spoiler che, posto alla stessa altezza del tetto, genera forza verso il terreno. Anche le prese d’aria anteriori contribuiscono ad aumentare questa forza: attraverso l’aria che entra all’interno si crea “effetto suolo”, che favorisce la massima aderenza all’asfalto. Il tetto, leggermente arcuato, termina con un ampio lunotto posteriore dal cristallo oscurato.

WALLPAPER

  800x600  1024x768  800x600  1024x768  800x600  1024x768  800x600  1024x768*Clicca sull'immagine, ti apparirà l'ingrandimento. Poi punta il mouse sull'immagine ingrandita, clicca il tasto destro e scegli "Imposta come sfondo".

TAGS: seat cupra gt