Autore:
Paolo Sardi

ADDIO SPIGOLI Questa volta i designer hanno lasciato i righelli chiusi a chiave nel cassetto. La nuova generazione della Cuore, che ha debuttato sotto i riflettori di Ginevra e che arriverà nelle concessionarie a settembre in versione a cinque porte e a marzo 2008 in quella a tre porte, dice infatti addio agli spigoli tipici di altre citycar Daihatsu. Al loro posto c'è una carrozzeria dalle forme più filanti, nonostante l'obiettivo del progetto resti quello di sempre: ottenere la massima abitabilità con minimi ingombri. Un principio, questo, che impone comunque un taglio quadratotto, ben alleggerito dall'andamento spiovente della fiancata.

STRETCHING Gli ingegneri hanno dato una piccola stiracchiata alla carrozzeria, che si allunga di circa 5 cm, arrivando a quota 346. Campione di stretching è invece il passo, che con i suoi 249 cm mette le ruote agli angoli, come pugili tra un round e l'altro. Il risultato finale è un abitacolo enorme per la categoria, più lungo e largo rispettivamente di 21 e 5 cm rispetto al modello attuale. Siccome però, si sa, le dimensioni non sono tutto, alla Daihatsu hanno pensato bene di utilizzare undivano posteriore che scorre, con un escursione di ben 25,5 cm. Giusto quel che serve per modulare al meglio lo spazio per i bagagli e i quattro passeggeri, che possono accedere a bordo attraverso porte con apertura quasi ad angolo retto.

CUORE D'ORO Oltre che nella forma, la Cuore 2007 è nuova anche nella sostanza. Inedito è il pianale, con sospensioni anteriori McPherson e posteriori a ruote interconnesse, e per buona parte lo è anche il motore, un tre cilindri a benzina da 998 cc. Il suo fiore all'occhiello è il sistema DVVT, sigla che sta per Dynamic Variable Valve Timing. La fasatura variabile delle valvole gli assicura un incremento del 19% della potenza e del 3% della coppia rispetto alla Cuore oggi a catalogo, con nuovi picchi a 69 cv e a 94 Nm. Il tutto con percorrenze medie elevatissime: 18,2 km/litro con il cambio automatico a quattro marce e 22,7 con il manuale a cinque marce, pronti a diventare 23,8 in abbinamento all'Idle Stop System, che spegne automaticamente il motore durante le soste in coda.

DA DEFINIRE Parlare di gamma italiana e di prezzi è decisamente prematuro. Alcune informazioni sulla dotazione della Cuore comunque già circolano. Si sa per esempio che la Daihatsu avrà freni anteriori a disco e posteriori a tamburo, che potrà montare fino a sette airbag e che sarà equipaggiabile con il controllo elettronico della stabilità VSC. A fare da comun denominatore a tutte le versioni ci sarà un modernissimo catalizzatore autorigenerante, grazie all'impiego di nanotecnologie.


TAGS: salone di ginevra 2007 daihatsu cuore 2007