Autore:
Simone Dellisanti

LA CARICA DEI 102 Dopo il traguardo del Centenario, la Targa Florioprosegue la sua corsa nella tradizione del motorsport e in particolare, ormai da alcuni anni, del rally, come tappa del Campionato Italiano. In un immaginario collegamento con il passato, con quel fatidico 1906, quando il sicilianoVincenzo Florio e il francese Henri Desgrange inventarono una gara automobilistica destinata ad entrare nella leggenda, la passione non si è mai più sopita. Ancora oggi le strade delle Madonie, impegnative come poche altre al mondo, sono il teatro non solo di duelli agonistici intensi, ma anche il palcoscenico per un pubblico sempre caldo e numeroso.

LOCALITA' La “Targa Florio” si è trasformata in un rally solo a partire dal 1978 quando Carello e Perissinot ottennero un importante successo alla guida di una Lancia Stratos. Da allora, nell’albo d’oro, si sono succeduti i nomi più celebri del rallysmo italiano, tra i quali spicca in particolare Paolo Andreucci, per ben nove volte vincente a queste latitudini. Anche quest’anno sarà lui l’uomo da battere. L’edizione 2018 del rally Targa Florio sarà valida non solo per il Campionato Italiano, ma anche per l’Historic rally e per il Campionato regionale. Campofelice di Roccella sarà la località deputata allo shakedown, mentre il parco assistenza sarà situato in Contrada Pista Vecchia. Il Rally Targa Florio rappresenta il terzo appuntamento, naturalmente su asfalto. Uno snodo più che importante in vista del giro di boa della stagione.


TAGS: cir 2018 rally targa florio 2018