Autore:
Roberto Tagliabue

PARLANO LE SEQUENZE Molte volte, e questo è proprio il caso, parlano più le immagini e i suoni di qualsiasi cosa si scriva. Non ci sono gesti esagerati perché l’abilità del pilota sta nello scegliere la traiettoria giusta e la giusta quantità di gas per spingere il potentissimo camion, oltre 2.500 cavalli, a scaricare a terra tutta la potenza.

TERRENO INSIDIOSO Le immagini storiche fino a non molti anni fa, erano ricche di derapate e controsterzi perché la parte finale del tracciato non era asfaltata. Ora che l’asfalto termina poco dopo l’arrivo si apprezzano le doti di abilità del pilota nel condurre il suo pesante e potente truck sulle insidie dell’asfalto bagnato. Le incitazioni del pubblico e il violento sibilo del motore fanno comprendere solo in parte le emozioni che deve aver provato il pilota nel guidare il suo bestione, mentre lambiva le lingue di neve accanto alla salita.

NON CI RESTA… che aspettare il prossimo anno per vedere se Mike vorrà ancora cogliere la sfida di una delle gare automobilistiche più storiche degli Stati Uniti, seconda solo al blasone di Indianapolis, ma soprattutto se continuerà a farlo con un camion così potente e al tempo stesso difficile da domare.


TAGS: pikes peak truck freightliner mike ryan