Autore:
Marco Rocca

QUANTO VALE IL PROGRESSO? Circa quindici anni, ecco quanto tempo è passato dalla prima GT3, la 996. All'epoca c'erano 360 cavalli e un cambio manuale, nulla più. Il concetto primigenio era quello di rendere la 911 il più vicina possibile a un'auto da corsa. Via tutto il superfluo che portava solo del peso inutile, compresi il controllo di stabilità. Ecco perchè la GT3 era più leggera, scattante e precisa nella guida tra i cordoli. Un concetto che non è mutato nel tempo. Siamo a metà degli anni 2000 e a raccogliere il testimone ci pensa la 997 GT3. Il flat six da 3,6 litri eroga 415 cavalli per uno scatto da 0 a 100 in 4,1 secondi e una punta massima di ben 310 chilometri orari. Numeri importanti per una vettura che ha vinto tutto quello che si poteva vincere nella competizioni mondiali. E siamo ai giorni nostri con la 991 GT3. Inutile girarci attorno, oggi non c'è più il manuale a 6 rapporti ma un doppia frizione a 7 marce con paddle al volante. E' arrivato anche l'asse posteriore sterzante e il motore da 3,8 litri non è più figlio del mitico "Mezger", il sacrilegio si è compiuto. In nome di tanta tecnologia, però le prestazioni sono aumentate esponenzialmente incoronando nuovamente la 991 GT3 a regina dei cordoli. Ma è davvero quello che avrebbero voluto i puristi?


TAGS: Tutti i video del 2014 Porsche 911 GT3: 996 vs 997 vs 991