Autore:
Emanuele Colombo

RICARICA LAMPO Tempi di ricarica ridotti a 12 minuti e capacità aumentata del 45%: sarebbero queste le doti delle nuove batterie create da Samsung, che in futuro potranno essere utilizzate negli smartphone e persino nei veicoli elettrici.

GRAFENE 3D La chiave delle nuove batterie sarebbe l'impiego di innovative strutture tridimensionali di grafene simili a pop corn, ottenute a partire dall'economica silice (SiO2). Il grafene 3D verrebbe impiegato sia per la realizzazione dell'anodo, ossia il polo negativo della batteria, sia come rivestimento protettivo del catodo a base di Nichel (il polo positivo; lo studio completo su Nature).

IL MATERIALE DEL FUTURO Il grafene è stato largamente pubblicizzato come un materiale rivoluzionario per un gran numero di applicazioni, in virtù della sua resistenza, della conducibilità elettrica e dell'elasticità, ma finora era noto per avere struttura bidimensionale, in strati sottilissimi.

TEMPI LUNGHI “La nostra ricerca permette la sintesi di massa del materiale [...] a un prezzo conveniente", dice il Dottor Son In-hyuk, che ha condotto il progetto al Samsung Advanced Institute of Technology (SAIT), ma ci vorranno anni per vedere in commercio batterie a base di grafene. Di certo, però, la tecnologia degli accumulatori si conferma in grande fermento.


TAGS: samsung batteria samsung batteria grafene samsung batteria auto samsung batteria smartphone samsung superbatteria