Autore:
Federico Maffioli

SUPERPOLE Chaz Davies conquista la prima casella di partenza qui in Germania dopo una Superpole 2 caratterizzata da pista a tratti ancora bagnata dopo la pioggia mattutina delle FP3. In prima fila con lui Tom Sykes secondo e Nicky Hayden terzo, entrambi in netto recupero rispetto al terzo turno di libere che ha visto l’ex iridato MotoGP protagonista anche di una caduta. Molto bene anche per Lorenzo Savadori che continua a dimostrarsi competitivo su questo tracciato, siglando il quarto miglior crono di giornata e aprendo la seconda fila davanti a Jordi Torres, quinto e Jonathan Rea sesto. Il Campione in carica in sella alla Kawasaki numero uno sbriga velocemente la pratica Superpole 1, ma il miglior crono della prima sessione di qualifiche se lo aggiudica Davide Giugliano, che sceglie di entrare con le gomme slick con pista ancora molto bagnata e guadagna un vantaggio che negli ultimi minuti gli valgono il best lap. La Ducati numero 34, però, è meno competitiva in Superpole 2, con la pista molto più asciutta il setup e le gomme usate in Superpole 1 non lo aiutano ed è costretto a schierarsi sull’ottava casella dietro a Leon Camier settimo e davanti a Sylvain Guintoli, nono. Più indietro l’ufficiale Honda Michael van der Mark decimo, il pilota di casa Markus Reiterberger con la Bmw del Team Althea undicesimo e Alex Lowes dodicesimo sulla Yamaha ufficiale.

FRECCIA ROSSA Dopo la pole l’alfiere della Ducati ufficiale Chaz Davies conquista anche gara 1, dominando per tutti i 21 giri e in fuga dalla prima all’ultima curva. Un risultato che ci voleva per l’inglese, in sella ad una Panigale R molto a posto con l’assetto, che torna sul primo gradino del podio dopo nove gare. Il suo compagno di squadra Davide Giugliano, invece, non trova il giusto setup con la moto e inizia male gara 1, poi recupera nel finale, ma si deve accontentare della settima posizione finale.

ZERO PESANTE Jonathan Rea lascia il Sabato con una caduta in gara uno e vede il suo vantaggio su Sykes, oggi secondo, ridursi a soli 26 punti. Dopo il ritiro in Gara 2 a Laguna Seca a causa di un problema meccanico, è ancora la moto a tradire il Campione in carica, che non riesce ad inserire la marcia e lascia per strada altri 16 punti iridati mentre era terzo e in avvicinamento al compagno di squadra Tom Sykes, che in sole due gare gli recupera ben 45 punti iridati. Fuori dai giochi anche Lorenzo Savadoricaduto dopo un’ottima partenza quando era virtualmente sul terzo gradino del podio.

ATTENTI A QUEI TRE Nicky Hayden passa terzo sotto la bandiera a scacchi e c’entra un altro podio qui in Germania dopo essere arrivato a ridosso di Sykes, più in difficoltà con l’usura delle gomme della sua Kawasaki. Arrivo in tandem, invece, per Jordi Torres e Leon Camier, rispettivamente quarto e quinto al traguardo, in lotta per la quarta posizione e in netta crescita in gara. Lo spagnolo in sella alla Bmw del Team Althea non si trova con l’assetto, ma dimostra di essere molto competitivo qui, mentre l’inglese in sella alla MV Agusta fa una gara tutta in rimonta e conclusa a poco più di un secondo dal terzo gradino del podio.

TOP TEN Chiudono la lista dei primi dieci al traguardo di gara uno al Lausitzring Alex Lowes ottavo davanti al compagno di squadra sulla Yamaha ufficiale Sylvain Guintoli, nono, e alla Ducati del Team Barni di Xavi Fores decimo. Nulla di fatto, invece, per il pilota di casa Markus Reiterberger, costretto al ritiro per un problema meccanico mentre era in nona posizione.

COSI AL TRAGUARDO Questo l’ordine di arrivo in gara uno al Lausitzring in Germania: 1) Chaz Davies, Ducati; 2) Tom Sykes, Kawasaki; 3) Nicky Hayden, Honda; 4) Jordi Torres, Bmw; 5) Leon Camier, Mv Agusta; 6) Michael van der Mark, Honda; 7) Davide Giugliano, Ducati; 8) Alex Lowes, Yamaha; 9) Sylvain Guintoli, Yamaha; 10) Xavi Fores, Ducati; 11) Anthony West, Kawasaki; 12) Alex De Angelis, Aprilia; 13) Roman Ramos, Kawasaki; 14) Joshua Brookes, Bmw; 15) Luca Scassa, Ducati; 16) Dominic Schmitter, Kawasaki; 17) Pawel Szkopek, Bmw; 18) Peter Sebestyen, Bmw;19) Gianluca Vizziello, Kawasaki. NON CLASSIFICATI: Karel Abraham, Bmw; Jonathan Rea, Kawasaki; Lorenzo Savadori, Aprilia; Markus Reiterberger, Bmw; Saeed Al Sulaiti, Kawasaki. 


TAGS: nicky hayden chaz davies Sylvain Guintoli superbike 2016 Davide Giugliano alex lowes jonathan rea tom sykes Michael Van Der Mark jordi torres Markus Reiterberger leon camier lorenzo savadori xavi fores sbk 2016 sbk lausitzring 2016 pole e gara uno sbk germania 2016 pole e gara uno Superbike germania superpole 2016 superbike germania gara 1 2016