Autore:
Giulio Scrinzi

PROTAGONISTA INDISCUSSO Se nella prima giornata di test sul circuito di Portimao Chaz Davies si è dovuto prendere qualche rischio in più per stampare il miglior tempo di sessione, oggi l'inglese del team ufficiale Ducati si è potuto sbizzarrire mettendo in campo tutte le sue capacità di protagonista nella caccia al tempo. Ed infatti il quasi 30enne di Knighton si è confermato per tutta la durata dei turni di prove come il più veloce in pista, arrivando a stampare in finale un ottimo 1'41''813 utilizzando la gomma più morbida a sua disposizione. Certo, anche oggi le due Kawasaki ufficiali di Rea e Sykes sono rimaste ferme e quindi non c'è stato alcun confronto diretto, ma sicuramente nei prossimi test in Australia, poco prima del round di apertura in quel di Phillip Island, Chaz si conferma come uno dei grandissimi favoriti per il Mondiale 2017.

CERTEZZA MADE IN ITALY Finora le abbiamo sempre definite come una “sorpresa” perchè nessuno si aspettava dei progressi così repentini, ma viste le performance che i ragazzi del team Milwaukee Aprilia sono riusciti a mettere in campo, le due RSV4 RF di Eugene Laverty e del nostro Lorenzo Savadori si stanno confermando sempre più come una solida certezza. Anche nella seconda giornata, infatti, i due sono riusciti a fermare i cronometri su tempi assolutamente di rilievo: l'inglese ha concluso in seconda posizione a soli 189 millesimi da Davies, non senza lottare con il compagno di squadra che è scivolato in terza piazza a meno di due decimi e mezzo dalla vetta.

CUOR DI LEON A seguire, ecco un altro funambolo che meriterebbe di tornare seduta stante nel Mondiale delle derivate dalla serie: si tratta di Leon Haslam, il quale ha concluso il proprio programma di test con un interessante 1'42''300 che gli è valso il quarto crono assoluto di giornata. Così facendo, si è messo dietro l'altro “Leone”, quel Camier in sella alla sua MV Agusta F4 il quale ha portato a termine addirittura 81 giri sui sali e scendi portoghesi terminando quinto a mezzo secondo dalla testa della classifica. Dietro di loro, le due Yamaha ufficiali di Lowes (+0.720) e di van der Mark (+0,981) hanno preferito concentrarsi su alcune prove di durata in vista dell'Australia, mentre Marco Melandri ha chiuso ottavo (+1.531) per un set-up della sua Panigale che non l'ha convinto del tutto. Attardate anche le due Honda di Hayden (+1.679) e Bradl (+1.883), che chiudono la top ten davanti al partenopeo Raffaele De Rosa, prima BMW a quasi due secondi di distacco da Chaz Davies.

CLASSIFICA FINALE A seguire la classifica finale dei tempi relativi alla seconda giornata di test di Portimao:

  1. Chaz Davies – Ducati 1'41''813

  2. Eugene Laverty – Aprilia 1'42''002

  3. Lorenzo Savadori – Aprilia 1'42''043

  4. Leon Haslam – Kawasaki 1'42''300

  5. Leon Camier – MV Agusta 1'42''339

  6. Alex Lowes – Yamaha 1'42''533

  7. Michael van der Mark – Yamaha 1'42''794

  8. Marco Melandri – Ducati 1'43''344

  9. Nicky Hayden – Honda 1'43''492

  10. Stefan Bradl – Honda 1'43''696

  11. Raffaele De Rosa – BMW 1'43''708

  12. Xavi Fores – Ducati 1'43''800

  13. Riccardo Russo – Yamaha 1'43''925

  14. Leandro Mercado – Aprilia 1'44''501

  15. Markus Reiterberger – BMW 1'44''820


TAGS: superbike sbk superbike 2017 test superbike 2017 sbk 2017 test sbk 2017 test superbike portimao 2017 test sbk portimao 2017 test sbk portimao day 2 test superbike portimao day 2