Autore:
Giulio Scrinzi

PAUSA BENEDETTA L'impresa di Valentino Rossi ad Aragon, dopo poco più di venti giorni dall'incidente che gli è costato tibia e perone della gamba destra, rimarrà negli annali della storia della MotoGP. Il quinto posto che ha centrato sotto la bandiera a scacchi spagnola, però, gli è costato un bel po' di fatica, che ha potuto recuperare nella pausa successiva di due settimane, a separazione tra la gara del MotorLand e l'imminente appuntamento di Motegi. “Per me è stato fondamentale avere una settimana extra per ritrovare la mia forma migliore: ad Aragon ho sofferto durante la corsa, per cui in questo periodo di pausa ho potuto lavorare sulla mia riabilitazione, in modo da arrivare a Motegi pronto per scendere in pista”.

LAVORO IN OTTICA 2018 Con una forma fisica decisamente migliorata, il nove volte Campione del Mondo della MotoGP ora è pronto per affrontare le prossime tre gare in calendario, che compongono il famoso “trittico asiatico” che verrà inaugurato questo weekend con la tappa di Motegi. In questo finale di stagione, però, Rossi ha sostenuto che il lavoro della squadra sarà concentrato sulla prossima stagione, al fine di risolvere i problemi cronici che affliggono la sua M1.Ora ci aspettano tre gare di fila, dove dovremo lavorare per mantenere la nostra competitività anche alla fine della gara: questo è il nostro tallone d'achille, sul quale dobbiamo migliorare per la prossima stagione. Possiamo affinare certi aspetti, come l'elettronica, il telaio o la distribuzione dei pesi, ma in ogni caso questo inconveniente sembra non darci tregua: speriamo che l'anno prossimo vada meglio.

A MOTEGI PER LA YAMAHA Nonostante le difficoltà, il nostro Valentino ha anche affermato che a Motegi è pronto a lottare per il suo team, al fine di portare a casa il miglior risultato possibile. “Questo GP è molto importante per la Yamaha: delle tre piste asiatiche Motegi è quella dove dovremmo soffrire di meno, dal momento che non ci sono curve troppo stressanti e solitamente il grip dell'asfalto ci aiuta. In ogni caso daremo il massimo in modo da fare bene e centrare il miglior risultato possibile”.


TAGS: yamaha motogp valentino rossi motogp 2017 team yamaha movistar 2017 motogp giappone 2017 motogp motegi 2017