Autore:
Giulio Scrinzi

OLTRE IL LIMITE Vi ricordate il salvataggio di Marc Marquez nell'ultimo GP della stagione appena conclusa, andato in scena sul Ricardo Tormo di Valencia? La prima guida del team Repsol, dopo aver studiato da vicino il suo rivale Johann Zarco in testa alla corsa, ha deciso di tentare il tutto per tutto in curva 1: la sua staccata furibonda, però, non è andata a buon fine, perchè lo spagnolo non è riuscito a chiudere la traiettoria. Questo ha causato la chiusura dell'anteriore della sua RC213V, con il quale la caduta nelle vie di fuga era praticamente certa.

SALVATAGGIO MIRACOLOSO Ma anziché arrendersi all'evidenza, “El Cabroncito” ha puntato il gomito a terra ed è riuscito a tenere in piedi la sua Honda, facendole riprendere aderenza e riportandola in un assetto che gli ha permesso di tornare successivamente in pista al fine di recuperare il terreno perduto. Un salvataggio miracoloso da vero fuoriclasse del quale oggi conosciamo tutti i dati telemetrici grazie a un post su Twitter condiviso dal team ufficiale Repsol.

MARQUEZ STYLE Secondo quanto postato dal reparto corse ufficiale dell'Ala Dorata, Marquez ha frenato 30 metri dopo il suo solito punto di staccata e ha affrontato la prima curva alla velocità di 153 km/h con un impressionante angolo di piega di 64°! Infine, il suo anteriore si è chiuso per oltre 50 metri, finchè Marc non è stato capace di recuperare il grip e di rialzare la sua RC213V. Una cosa è certa: un qualsiasi altro pilota, nelle sue stesse condizioni, sarebbe caduto mestamente nella ghiaia...


TAGS: motogp marc marquez motogp 2017 marc marquez 2017 team honda repsol 2017 motogp valencia 2017 motogp 2018 team honda repsol