Autore:
Giulio Scrinzi

PRIMO PER DAVVERO Dopo che nelle prime prove libere del mattino è stato retrocesso in seconda posizione perchè la direzione gara gli aveva eliminato il miglior tempo per un taglio del tracciato austriaco, nelle FP2 del pomeriggio Andrea Dovizioso si è preso la sua rivincita. Con gli interessi per giunta, stampando un soprendente 1'24''046, ancora per poco sopra il muro dell'1'24'' ma che ha dimostrato quanto la Desmosedici con la nuova carenatura sia efficace sul circuito del Red Bull Ring.

YAMAHA CONTRO HONDA Dietro di lui ha firmato il secondo tempo assoluto lo spagnolo Maverick Vinales, staccato di poco più di due decimi ma capace di battere il connazionale Daniel Pedrosa in sella alla Honda del team Repsol. Il numero 26, però, ha pagato un distacco ben maggiore, di poco inferiore al mezzo secondo ma sufficiente a distanziare un'altra M1, stavolta quella privata del team Tech 3 affidata al francese Johann Zarco.

MARQUEZ STUDIA LE DUCATI Quinto crono per la seconda Desmosedici ufficiale di Jorge Lorenzo, in decisa rimonta rispetto al turno mattutino e in grado di precedere la gemella del team Avintia affidata al pilota più veloce delle FP1, quell'Hector Barbera che è stato l'unico a non migliorarsi nella sessione pomeridiana. Poco più staccato troviamo il leader della classifica iridata, un Marc Marquez settimo che, a quanto pare, ha voluto studiare le due Rosse di Borgo Panigale al fine di trovare la strategia ottimale per batterle nella gara di domenica.

CHIUDONO LA TOP TEN... A seguire troviamo la RC213V del britannico Cal Crutchlow, di poco più veloce della migliore delle Aprilia di Aleix Espargarò, autore del nono tempo davanti alla Ducati di Scott Redding, ultimo pilota all'interno della top ten. Fuori dai primi dieci, invece, il nostro Valentino Rossi: il Dottore non ha fatto meglio del 13esimo posto nella combinata, preceduto addirittura dalla più rapida delle KTM affidata a Pol Espargarò. Forse l'aria di casa sta facendo bene al reparto corse austriaco...

CLASSIFICA DI GIORNATA 1) Andrea Dovizioso (Ducati), 1'24''046; 2) Maverick Vinales (Yamaha), +0.234; 3) Daniel Pedrosa (Honda), +0.428; 4) Johann Zarco (Yamaha), +0.476; 5) Jorge Lorenzo (Ducati), +0.570; 6) Hector Barbera (Ducati), +0.585; 7) Marc Marquez (Honda), +0.603; 8) Cal Crutchlow (Honda), +0.622; 9) Aleix Espargarò (Aprilia), +0.680; 10) Scott Redding (Ducati), +0.719; 11) Alvaro Bautista (Ducati), +0.734; 12) Pol Espargarò (KTM), +0.813; 13) Valentino Rossi (Yamaha), +0.837; 14) Loris Baz (Ducati), +0.879; 15) Danilo Petrucci (Ducati), +0.889; 16) Jonas Folger (Yamaha), +0.946; 17) Andrea Iannone (Suzuki), +1.172; 18) Sam Lowes (Aprilia), +1.224; 19) Mika Kallio (KTM), +1.274; 20) Jack Miller (Honda), +1.289; 21) Karel Abraham (Ducati), +1.323; 22) Alex Rins (Suzuki), +1.406; 23) Tito Rabat (Honda), +1.570; 24) Bradley Smith (KTM), +1.618.


TAGS: motogp valentino rossi jorge lorenzo andrea dovizioso marc marquez maverick vinales daniel pedrosa motogp 2017 motogp austria 2017 motogp red bull ring 2017