Autore:
Federico Maffioli

GIORNATA DI TEST Il Venerdì di libere qui a Silverstone è stato utilizzato da alcuni team per provare soluzioni nuove (o inedite per quest’Anno) ed avere un riscontro su quello che è stato utilizzato nei test di Brno della settimana scorsa. Un lavoro un po’ diverso, perché solitamente nei primi due turni di libere si lavora già sull’assetto e sul passo gara e che ha visto le Yamaha ufficiali percorrere strada diverse. Da una parte Valentino Rossi ha fatto una prova comparativa con la moto standard 2016 e il nuovo pacchetto telaio/forcellone provate in repubblica Ceca, dall’altra Jorge Lorenzo ha lavorato sulla moto standard, ma con un diverso forcellone, studiato per dare più trazione. Un lavoro sul posteriore fatto da molti team, necessario su una pista con queste caratteristiche. La Honda Ufficiale di Marc Marquez, invece, è scesa in pista con il telaio 2014, quello con cui vinse la gara di Silverstone proprio in quell’anno e la Honda del Team LCR di Cal Crutchlow è stata equipaggiata con il nuovo telaio provato dai due ufficiali HRC a Brnò.

QUATTRO E QUATTRO Dopo i primi due turni di libere ci sono quattro moto diverse nelle prime quattro posizioni. Il più veloce del Venerdì è stato Andrea Iannone sulla Ducati Ufficiale, seguito da Maverick Vinales con la Suzuki, Cal Crutchlow con la Honda privata del Team LCR e Jorge Lorenzo, quarto sulla Yamaha. Stessa sequenza di quattro case diverse anche per le altre quattro posizioni, ma in ordine diverso con Marc Marquez quinto, Valentino Rossi sesto, Andrea Dovizioso settimo e Aleix Espargarò ottavo, quindi Honda (questa volta quella ufficiale), Yamaha, Ducati e Suzuki. Un risultato interessante, che vede i vincitori degli ultimi due GP nelle posizioni di testa con il miglior crono di Andrea Iannone vincitore in Austria e Cal Crutchlow terzo, vincitore dell’ultimo GP a Brnò. In mezzo Maverick Vinales, che nelle FP1 è stato autore del miglior crono di sessione. Insomma, un Venerdì in cui le variabili sono state moltissime, dalle gomme, alle soluzioni tecniche, dal setting alla temperatura atmosferica. L’inizio non è affatto male e aspettiamo domani per capire i veri valori in gioco!  

PRIMO DIECI Chiudono la lista dei primi dieci piloti del Venerdì Dani Pedrosa con il nono crono e Scott Redding con il decimo. Per il momento, quindi, quattro Case ufficiali si schierano nelle prime dieci posizioni ed era un po’ che non succedeva. All’appello manca l’Aprilia, ancora impegnata a cercare di recuperare il gap che la separa dalla concorrenza, che vede i suoi piloti Stefan Bradl diciottesimo e Alvaro Bautista ventesimo.

CLASSIFICA COMBINATA Questi i tempi della classifica combinata dei primi due turni di libere al Gran Premio dell’Inghilterra a Silverstone 2016: 1) Andrea Iannone, Ducati 2.01.421; 2) Maverick Vinales, Suzuki 2.01.721; 3) Cal Crutchlow, Honda 2.01.917; 4) Jorge Lorenzo, Yamaha 2.02.032; 5) Marc Marquez, Honda 2.02.240; 6) Valentino Rossi, Yamaha 2.02.262; 7) Andrea Dovizioso, Ducati 2.02.267; 8) Aleix Espargarò, Suzuki 2.02.364; 9) Dani Pedrosa, Honda 2.02.372; 10) Scott Redding, Ducati 2.02.533; 11) Pol Espargarò, Yamaha 2.02.573; 12) Hector Barberà, Ducati 2.02.608; 13) Danilo Petrucci, Ducati 2.02.985; 14) Eugene Laverty, Ducati 2.03.118; 15) Loris Baz, Ducati 2.03.370; 16) Yhonny Hernandez, Ducati 2.03.380; 17) Jack Miller, Honda 2.03.631; 18) Stefan Bradl, Aprilia 2.03.642; 19) Alex Lowes, Yamaha 2.03.855; 20) Alvaro Bautista, Aprilia 2.04.400; 21) Tito Rabat, Honda 2.05.196.


TAGS: valentino rossi jorge lorenzo andrea dovizioso cal crutchlow aleix espargaro motogp 2016 marc marquez maverick vinales andrea iannone scott redding dani pedrosa silverstone motogp 2016 libere del venerdì motogp silverstone 2016 prove libere 1 e 2 prove libere silverstone 2016 venerdì