PHILLIP ISLAND, AUSTRALIA
20-22 Ottobre 2017


Lunghezza circuito: 4.4 km
Giro più veloce: 1’27.899, 182.1 km/h, Jorge Lorenzo (2013)

Seconda prova del trittico extraeuropeo e sedicesimo round stagionale, l'appuntamento di Phillip Island è uno tra i più attesi in tutto il calendario del Motomondiale 2017: sarà per il circuito, un continuo sali e scendi di 4,448 km e dodici curve (sette a sinistra e cinque a destra) altamente spettacolare perchè posto sopra il ciglio di una scogliera. Ma forse anche per l'ambientazione: questa pista, infatti, è amata particolarmente per il fatto che è situata vicino al mare, dai fotografi per i bellissimi scatti che sono in grado di riprodurre ma anche dagli stessi piloti, che devono affrontare tante curve veloci e ad ampio raggio con un solo rettilineo principale, in discesa e che sembra che vada a finire proprio nello specchio d'acqua antistante. Sta il fatto che questo tracciato ha ospitato il GP d'Australia fin dal 1989, lasciando il posto alla pista di Eastern Creek solamente dal 1991 al 1996 per poi tornare l'anno successivo fino ai giorni nostri.

Tempo di statistiche anche per Phillip Island:

  • MOTOGP: Conosciuta centimetro per centimetro dai piloti locali, quello più vittorioso non poteva essere che un “aussie”: stiamo parlando di Casey Stoner, detentore del maggior numero di vittorie (6) a parimerito con il nostro Valentino Rossi, ma che primeggia anche per il numero di pole position (5). L'anno scorso, tuttavia, è stato l'inglese Cal Crutchlow a vincere qua in Australia, davanti al numero 46 di Tavullia ed a Maverick Vinales.
  • MOTO2: Nella classe di mezzo Pol Espargarò ed Alex De Angelis spiccano per il maggior numero di vittorie (2) e di partenze dalla prima casella (2), mentre l'edizione 2016 è stata vinta da Thomas Luthi davanti a Franco Morbidelli ed a Sandro Cortese.
  • MOTO3: Nella classe d'esordio del Motomondiale il record di categoria appartiene allo spagnolo Alex Marquez (1'36''050), mentre l'anno scorso è stato Brad Binder a trionfare mettendo in riga Andrea Locatelli ed Aron Canet.

TAGS: motogp 2017 motomondiale 2017 motogp australia 2017 motogp phillip island 2017