Autore:
Andrea Rapelli

GRAZIE MATTIA Devo confessarlo: ogni volta che entro nel parcheggio della redazione e vedo il Sym HD2 125 spero con tutto il cuore che Mattia, il nostro “uomo stampa Sym”, non si ricordi che l'abbiamo noi e non ce lo richieda indietro. O, alla peggio, ce lo lasci almeno un altro mesetto.

TAGLIATO PER LA CITTA' Naturalmente so che mi sto dando la zappa sui piedi: non appena il già citato Mattia avrà finito di leggere il pezzo non aspetterà un minuto a tirar su il telefono e richiamarci all'ordine, ponendo fine all'idillio. Tanto vale, quindi, raccontarvi perché ci piace tanto avere a disposizione il Sym HD2 125. Il motivo è presto detto: anche i motociclisti più... “facinorosi”, quando si tratta di svicolare nel traffico cittadino, cedono volentieri al fascino dello scooter.

HD EVO(LUZIONE) D'accordo, non stiamo parlando di un marchio patinato né di uno scooter particolarmente raffinato. Però, ragazzi, a conti fatti questo Sym HD2 125 fa tutto quel che ci si aspetta. Dal vecchio HD EVO l'HD2 riprende solo il monocilindrico 4 tempi e i pneumatici da 16”: il design è inedito, così come il sistema di alimentazione, che riduce i consumi e migliora le prestazioni.

IL MOTORINO TIRA Nei primi gradi di rotazione della manopola acceleratore il Sym HD2 125 scatta in avanti senza sforzo apparente e appare più brillante di quello che i suoi 9.5 kW di potenza lascerebbero supporre. Poi, come è naturale, in velocità si siede un po' e l'allungo si stempera. A proposito di seduta: io che sono alto un metro e ottanta sfioro quasi con le ginocchia il retroscudo. Tuttavia, grazie ai 790 mm di altezza della sella, anche le ragazze della redazione hanno potuto usarlo senza difficoltà.

UN TIPO AMICHEVOLE E non solo per le quote gentili, perché questo Sym, su strada, è davvero amichevole: le ruote da 16” non impensieriscono su ostacoli come le rotaie del tram e, nondimeno, garantiscono una discesa in piega piuttosto omogenea. Anche chi non è un centauro provetto, insomma, guida tranquillo. Il motore risponde dolcemente e vibra davvero poco mentre la frenata (con disco da 226 mm all'anteriore e da 200 al posteriore ) non genera mai apprensione.

SALTERELLO Cosa non va? Oltre ad un vano sottosella non esattamente da nave portacontainer – ci sta preciso preciso un casco jetsono le sospensioni a far arricciare il naso ai più esigenti. Se sul liscio il Sym HD2 125 scorre che è una meraviglia, su tombini, buche e pavé natiche e vertebre accusano un po', specialmente se si viaggia a pieno carico. Poca cosa, considerando che l'HD2 vien via per 2.750 euro, 4 anni di garanzia e assistenza stradale compresi.

IN QUESTO SERVIZIO
Casco GIVI 20.6 Fiber-J2
Giacca REV'IT 
Guanti Alpinestars SMX-2 Air Carbon Glove
Jeans OJ Bluster Man
Scarpe TCX X-street


TAGS: sym hd2 125 test prove moto 2015