Autore:
Stefano Cordara


CONTIDELLA SERVA
Facciamo unpo' di conti: un MP3 250 RLcosta 5.800 €, un 400, stesso allestimento, viene via con 7.100 €.Motore più grosso a parte, è giustificato l'esborso diquei 1.300 € in più? Per cercare di capirlo hoconvissuto per un po' di mesi con il tre ruote in versione "big"dopo che a suo tempo avevo fatto lo stesso con il 250.Una convivenza serena, spesso felice, soprattutto in quei giorni dipioggia in cui asfalto viscido e rotaie del tram sono trappole insidiose per chi affronta la città su due ruote e che con L'MP3si vivono più a cuor leggero.

TRADIMENTO
Tutto ok, un compagnofedele... a parte il "tradimento.Già, proprio uno degli ultimi giorni di vita passata assieme, l'MP3evidentemente stufo di sentirsi addosso le mie chiappe mi ha lasciatoa piedi improvvisamente. Scaricato ad un semaforo, muto, senzanemmeno una scusa. Cosw che capitano, evidentementeun problemino elettrico che certo non fa piacerema che, diciamolo, non è così infrequente in mezziormai dominati dall'elettronica. Tant'è. Diciamo che ci siamolasciati un po' male ma con dei bei ricordi... .

UNPO' DI TUTTO Perchéil tre ruote Piaggio, soprattutto in questa cilindrata, offrela soluzione ideale per chi, come me, affronta un percorsocasa-ufficio che più vario non si può.Un po' di statale, 10 km di autostrada dove poter allungare il passoe 10 km di città dove lottare con il traffico. Il 400 èla soluzione giusta per chi ha esigenze di questo tipo.


ILBRIO CHE MANCAVA
Non cheil 250 non andasse bene, anzi, ma quelpo' di brio in più dato dal motore grosso (senzaarrivare ad esagerazioni tipo Fuoco) aiutaa vincere l'inerzia della massa dell'MP3offrendo alla fine le prestazioni che uno si aspetta da questo mezzo.Il Master 400 offre 34 cv a 7.500 giri e 37 Nm di coppia a5.000 giri capaci di spingere i 238 kg del tre ruote ad una velocitàmassima di 148 km/h effettivi chesono effettivi davvero visto che in più di una occasione ilmio MP3 è arrivato a passare i 160 indicati con il motore chesi adagiava sul limitatore.

NON TEME L'AUTOSTRADA
Prestazioni di cui direinon ci si può lamentare e che consentono al treruote Piaggio di affrontare pure lunghi percorsi a scorrimento veloce senza troppi problemi.Anche perché la stabilità è aumentatarispetto al duemmezzo, vistoche il nuovo motore, più lungo del quarto di litro, allungal'interasse di 65 mm aumentando quindi la direzionalità delloscooter.


PI
Ù GRIP DIETROLa maggiore cavalleria è ovviamente parte in causa anche nellamigliore accelerazioneche ora consente di scattare brillanti al semaforo senza doveraspettare che il motore sia in coppia. Il mono quattrocento spinge forte ma morbido non strappa e la rapportatura scelta da Piaggio è perfetta, tanto che non sono così sicuro che l'MP3 400 sia più lento del Gilera Fuoco. Ovvio che in questaconfigurazione l'MP3 esalti ulteriormente le sue ottime qualitàdinamiche offrendo anzi ancoraqualcosa in più rispetto al 250.

GOMMA LARGAUn po' per il peso maggiore del motore, un po' per l'aumentatasezione del pneumatico posteriore, passato da 130/70 a 140/70,il 400 oltre ad offrire la solita incredibile sicurezza datadall'avantreno, adesso offre anche una maggiore sensazionedi appoggio al posteriore inquelle situazioni (tipo sul bagnato) in cui il 250 pare volerscappare un po' via. Certo, c'è anche più coppia, percui, magari svoltando da un incrocio e con il bagnato io nonaffonderei il gas a meno di non voler derapare come Hayden.


SICUREZZAINCREDIBILE
Per il resto l'MP3400 conferma tutte le buone cose che abbiamo giàrilevato con la versione 250,ovvero la capacità di offrire una sensazione di sicurezzaincredibile anche a chi non è un esperto motociclista e anchedi far divertire chi motociclista invece lo è già. Latenuta dell'avantreno è incredibile,tanto che a volte si è portati a esagerare. Dal canto suo, l'impiantofrenante (invariato rispetto a quello del 250) non ha alcun problemanel gestire il surplus di peso e velocità di questo MP3"maggiorato".

TANTO SPAZIO
Apprezzabilissima anche la capacità di carico, con ilvano che, nonostante il motore più grosso, non ha persocapacità e praticità,con la sempre comoda soluzione della doppia apertura sella/bauletto. Regala un sorriso anche il blocco elettronico del sistema di basculamento che consente di fermarsi al semaforo senza mettere i piedi a terra, una soluzione a cui, una volta che ci si è abituati è difficile rinunciare. Con un unico appunto: se ci si blocca a scooter inclinato alla partenza è facile perdere l'equilibrio e il 400 pesa di più del 250... Insomma, se l'estetica non ha mai fatto girare la testa, l'MP3è il classicomezzo che più usi più apprezzie, in attesa dell'ibrido, il 400 pare essere la scelta piùazzeccata. Quasi quasi lo perdono...


TAGS: prova piaggio mp3 400 Moto: la top ten del decennio