Autore:
Michele Losito


CONTROCORRENTE
Mai come in questo periodo un colore è dimoda come il bianco. Che sia su un'auto o su una moto, pastello,metallizzato o perlato, il colore che comprende tutti i colori sembra esserediventato un must per tutti. Non lapensa così Peugeot, che nelle scorse settimane ha presentato una serie specialedenominata RS e caratterizzata dal look total black.

SETTE PIU' UNOProprio come la mitica Ford "T", quindi, i nuovi Peugeot RS possono essereacquistati in qualunque colorazione purché nera, mentre è decisamente più ampiala scelta di motorizzazioni su cui indirizzare la propria preferenza. Sono sette, infatti, i modelli della gamma RS, divisi fra treGeopolis (125, 250 e 400) e quattro Satelis (125, 250, 400 e 500), ma è giàprevisto anche il Geopolis 500, che però arriverà solo il prossimo giugno.



SPORTIVONI Comefa intendere il nome, le modifiche estetiche introdotte su questi scooter puntano su un'immagine sportiveggiante, Questacaratterizzazione è sottolineata anche da misuratitocchi di rosso che colorano lepinze freno di tutti i GeoRS e dei SatRS 125 e 250 (il 400 e il 500 hannoun doppio disco anteriore con pinze grigie), le impunture della sella e i loghi RS posti sulle fiancate.




CURATI
Il nero -lucido o opaco - contraddistingue anche la paratia anticalore dello scarico sututti i modelli, gli steli forcella, il portapacchi posteriore del Geopolis ele maniglie per il passeggero del Satelis, mentre la soluzione trovata per le ruote - con razze nere e canale lucidato -innalzano non di poco il risultato estetico degli RS, contraddistinti ancheda una cura notevole dei particolari e da una dotazione di alto livello. Sia sul Geopolis, sia sul Satelis, infine,viene montato un piccolo parabrezza nero fumé, che incattivisce molto la vistafrontale.

I SOLITI NOTI Rimangono invariate perciò le qualità riconosciute di questi scooterPeugeot: un'abitabilità ottima inrelazione alle dimensioni complessive, un'attenzione particolare alla qualitàdell'illuminazione notturna - grazieall'uso di lampade di derivazione automobilistica - e uno spazio sotto sella e nei vani retroscudo al vertice deirispettivi segmenti.




NON CAMBIA NULLA
D'altra parte, la qualità complessiva di questi scooter Peugeot è nota e l'allestimento RS non apporta praticamentealcuna modifica tecnica o costruttiva ai modelli d'origine. L'unica eccezione riguarda il nuovo motoredi 125cc, che debutta proprio su questi RS e che è stato sviluppato con unocchio di riguardo alla riduzione della rumorosità e alla fluidità di marcia.



IL PICCOLO E'FRANCESE Prodotto internamente da Peugeot (mentre tutti gli altri motoridella gamma sono Piaggio), questo monocilindrico a 4 valvole deriva dalprecedente ma ha una nuova centralinaelettronica, un diverso corpo farfallato abbinato a nuovi condotti d'aspirazione e mappature ottimizzate in funzione delcontenimento delle emissioni e dei consumi. Sono nuovi, inoltre, l'impiantodi scarico e la trasmissione a variatore, che presenta anche un carter didiverso disegno e dotato di materiale fonoassorbente all'interno.




SI PUO' SCALDARE
Nulla di estremamente innovativo, quindi, ma un motore al passo con iconcorrenti e che preferisce lasciare leluci della ribalta ad un intelligente soluzione trovata per il cavallettolaterale. Questo, a differenza della quasi totalità di stampelle lateralida scooter, permette infatti di scaldare il motore anche quando èestratto, salvo poi non dare la possibilità di partire fintanto che nonviene ritratto completamente.



COPIA CARBONE Lealtre motorizzazioni ricalcano quelle dei rispettivi Geopolis e Satelis"normali", e di conseguenza anche il comportamento su strada è identico. Sianella motorizzazione 250, sia in quelle più grosse, il ruote alte Geopolis e il più corpulento Satelis si confermano mezzipiacevoli da guidare, intuitivi e molto ben frenati. Apprezzabilesoprattutto il lavoro del sistemabrevettato D-S-L (Dual Swinging Linkage) di ancoraggio dei motori piùgrossi, che riesce ad isolare a doverele vibrazioni, mantenendo elevati il comfort e la maneggevolezza.


MEGLIO SUL GEO
Il piccolo 125, dal canto suo, ha mostratobuone prestazioni e una bella fluidità di marcia. Ovviamente,l'accoppiamento migliore è con il più leggero Geopolis, ma anche sul Satelis ilmotore non soffre eccessivamente e permettedi muoversi agevolmente anche su strade leggermente in salita, o con ilpasseggero a bordo.

VERSIONE UNICA Lagamma RS sarà in distribuzione nellarete dei concessionari Peugeot dalprossimo mese di maggio e tutti i modelli saranno venduti in un'unicaconfigurazione, che ricalca quella delle versioni Premium Geopolis e Satelis. I prezzi, partono dai 3.700 euro francoconcessionario del GeoRS 125, fino ad arrivare ai 5.850 euro del più grossoSatelis 500.


TAGS: prova peugeot serie rs