Autore:
Andrea Rapelli

CONSEGNA BAGNATA... Fuori piove che Dio la manda: il giorno giusto per iniziare la prova di una moto! Ma stavolta il gioco (anzi, la doccia) vale la candela: voglio usare la Yamaha XSR700 per qualche giorno - una settimana, più o meno - per dirvi come va la convivenza. Affronterò il quotidiano tragitto casa-ufficio, condirò il tutto con una puntata fuoriporta e cercherò di capire se nel dna di questa Yamaha c'è qualcosa di illuminante e contagioso.

RAIN Le prime impressioni - un quarto d'ora sotto l'acqua fra pavé e insidie del traffico meneghino - mi hanno dato l'idea di una moto easy, che non mette mai in soggezione chi guida, neppure sotto la pioggia battente. Il bicilindrico frontemarcia a scoppi irregolari dà l'impressione di avere ben più dei suoi 75 cv anche se il gas, alla prima apertura, risponde sempre dolcemente. Dopo cinque minuti, mi sembrava di averla guidata da sempre.

FOREST GREEN E poi, lasciatemelo dire, questa XSR700 si lascia guardare anche da ferma, pure sotto la pioggia. Non vi nascondo che avrei desiderato la colorazione speed-block dedicata al 60° anniversario di Yamaha ma, a conti fatti, il Forest Green della nostra non è affatto male. Cominciamo con il piede giusto.

 


TAGS: moto yamaha prova prova su strada Yamaha XSR700 prova di durata