Autore:
Emanuele Colombo

COME NASCE UNA SPORT TOURER Si fa presto a liquidarla come una naked vestita: è vero che la Suzuki GSX-S1000F ABS, oggetto della nostra prova, deve molto alla sorella priva di carene, ma a ben guardare, sotto sotto, c'è molto di più.

DNA DA SUPERSPORTIVA Il motore è quello della supersportiva Suzuki GSX-R1000 del 2005, aggiornato per rientrare nelle norme euro 4; le pinze dei freni anteriori sono le Brembo della GSX-R1000 2014 e il forcellone posteriore è quello della GSX-R1000 2015. Insomma, il DNA è quello di un'autentica bomba, ingentilita da una carenatura quasi da tourer, ma anche incattivita da un telaio alleggerito con un avantreno sveltissimo e un manubrio da naked: uno a uno palla al centro.

MECCANICA DI PRECISIONE È una moto strana la Suzuki GSX-S1000F, capace di intimidire per la mole e l'aggressività delle sue linee, salvo poi, rassicurarti con un look che, da certe angolazioni, ricorda quasi uno scooterone. La qualità giapponese si nota subito: non c'è un cablaggio fuori posto e il montaggio di tutte le componenti è impeccabile. In sella la posizione è comoda, con l'ampio manubrio Renthal leggermente arretrato per favorire una posizione raccolta, ma rilassata: ideale per i lunghi viaggi. Peccato che per il passeggero ci sia solo il labile cinghietto per tenersi: le maniglie si pagano a parte.

FA LA VOCE GROSSA Avvio il motore e il suo rumore possente mi emoziona subito: il 4 cilindri da 999 cc, quasi 150 cavalli e 108 Nm di coppi gira subito rotondo e pulitissimo, con sonorità perfettamente armoniche. Basta sfiorare la manetta per sentire i giri che si impennano: di grinta qui ce n'è da vendere. Lo stacco della frizione mi coglie un po' in contropiede, tanto è vicino alla manopola, ma una volta fatta la mano si modula perfettamente.

ANDANDOCI PIANO Innesto la prima e il cambio trasmette una sensazione di precisione, con inneschi corti e precisi, che solo occasionalmente, nella marcia a bassa velocità, non risultano perfettamente fluidi. A queste andature, va detto, anche lo sterzo accusa una sensibile tendenza a chiudere, ma basta ridurre leggermente la pressione della gomma posteriore per risolvere il problema (oppure intervenire sul precarico del monoammortizzatore posteriore, che è registrabile anche in estensione).

UNA VERA BOMBA Da subito il motore è la cosa che mi impressiona di più: il tiro ai bassi è formidabile e in città ci si trova spesso a guidare in sesta marcia. Ma soprattutto mi offre una sensazione di connessione tra la manetta e i cavalli davvero impareggiabile. La risposta è immediata, diretta, analogica e perfettamente proporzionale, una vera rarità in un'epoca in cui l'elettronica dà sempre più spesso l'impressione di frapporsi tra le intenzioni del pilota e le reazioni della moto.

GUIDA ANALOGICA Su questa Suzuki, d'altra parte, di elettronica ce n'è poca: giusto l'ABS per prevenire bloccaggi in frenata e un controllo di trazione regolabile su tre livelli, o disattivabile del tutto, con un comando sul manubrio comodo e intuitivo. Lo stretto indispensabile, insomma.

IN AUTOSTRADA Uscendo dalla città la velcità aumenta e la sensazione è che la trasmissione finale sia un po' corta: soprattutto per l'uso turistico una sesta più lunga farebbe comodo. C'è di buono che le vibrazioni sono ai minimi storici: se ne avvertono, debolissime, solo alle pedane, ma non danno fastidio. Solo discreta la protezione aerodinamica: da un parabrezza così pronunciato mi aspettavo di più.

NEL MISTO Quanto alla ciclistica, nel misto il manubrio largo aiuta parecchio a indirizzare efficacemente la moto e a dominare i suoi 214 chili in ordine di marcia. In frenata la forcella completamente regolabile offre, già con i settaggi standard, un buon compromesso tra sostegno, assorbimento del fondo e rigore in traiettoria. L'unico difetto è il profilo del serbatoio un po' sfuggente, che non offre un solido ancoraggio alle ginocchia in piega.

IN PISTA Nei curvoni veloci il telaio rassicura e la guida è intuitiva in ogni circostanza. In pista, la GSX-S1000F ci ha permesso di leggere, sulla sua strumentazione completamente digitale, una velocità autolimitata di 254 km/h che corrispondono a quasi 235 km/h reali. I consumi, con una guida rispettosa del codice della strada, sono stati di circa 6,2 l/100 km, secondo il computer di bordo. Il prezzo di tutto ciò? 13.090 euro

 

IN QUESTO SERVIZIO

CASCO LS2 BREAKER FF390 Novità assoluta per il 2017, questo integrale da turismo ha una calotta esterna in KPA (un misto di resine termoplastiche e fibra) e una interna in EPS a densità differenziata, con tecnologia 3D Laser Cut Foam. La visiera, antigraffio e anti-UV, ha l'innovativo 3D Optically Correct che elimina qualsiasi distorsione, mentre grazie al sistema TSS la visierina parasole interna protegge il pilota in caso di necessità. Predisposto per la connettività Bluetooth Linkin Ride Pal, realizzato in collaborazione con Sena.

GIACCA DAINESE AVRO D1 LEATHER JACKET Pregiata pelle bovina Tutu, tessuto bi-elastico e fodera interna trattata con ioni d’argento: questo bel giubbotto, certificato CE Cat II, è l’ideale per la guida sportiva, grazie soprattutto al comfort garantito dalla tecnologia brevettata Microelastic. La fodera interna è removibile e non mancano prese d’aria per regolare la temperatura interna. Quasi scontate la predisposizione per il paraschiena e le protezioni per spalle e gomiti.

GUANTI DAINESE 4 STROKE EVO È un guanto corto dallo spiccato carattere sportivo. Comodo da indossare, ha però una struttura un po' rigida e richiede un po' di rodaggio per ammorbidirsi a dovere. A dispetto del look non è un guanto particolarmente caldo, quindi si porta volentieri nelle stagioni temperate. Ha inserti compositi in acciaio inox e TPR su nocche e dorso per un look tecnico ed aggressivo, e il mignolo è rinforzato, con inserti in resina termoplastica sulle giunture delle dita. Rispetto alla versione precedente anche il grip del palmo è maggiore così come la resistenza all’usura.

PANTALONI MOTTOWEAR GALLANTE Jeans dalla linea semplice ed elegante, i Mottowear Gallante hanno una vestibilità tradizionale, che li rende comodi sia in sella sia a passeggio. Per questi pantaloni i designer hanno utilizzato il cosiddetto denim grezzo, che è un materiale solido e traspirante di colore blu intenso, senza i segni e graffi artificiali tipici della lavorazione stone wash: una scelta sobria che li rende più versatili.

STIVALI HELD JOBLYN Stivale da turismo realizzato in materiale tessile, il Joblyn della tedesca Held ha la fodera in poliestere e una speciale membrana OutDry che lo rende impermeabile, antivento e traspirante. La chiusura è a cerniera e i rinforzi proteggono tibia, caviglia e la tomaia in corrispondenza della leva cambio. Inserti riflettenti migliorano la visibilità notturna.


TAGS: Suzuki GSX-S1000F ABS 2018 Suzuki GSX-S1000F ABS prova Suzuki GSX-S1000F ABS caratteristiche Suzuki GSX-S1000F ABS prezzi Suzuki GSX-S1000F ABS test Suzuki GSX-S1000F ABS foto Suzuki GSX-S1000F ABS opinioni Suzuki GSX-S1000F ABS velocità Suzuki GSX-S1000F ABS velocità massima