Digg Facebook Twitter Feedburner

Bmw R1150R

COM'È Solo pochi anni fa la BMW era marchio turistico per eccellenza, simbolo di moto indistruttibili, con motori da milioni di chilometri, ma un po' lente e scarsine dal punto di vista del "gusto" di guida, anche se sarebbero state fedeli compagne di viaggio per una vita intera. Chi si voleva divertire davvero, insomma, doveva rivolgersi altrove. Ma il mondo cambia, e col tempo sono cambiate anche le BMW: prima un nuovo boxer ottovalvole ha dato alle bicilindriche di Monaco il brio che mancava, poi un sistema di sospensioni rivoluzionario le ha incollate all'asfalto. Successivamente è arrivata una enduro capace di piegare come una sportiva, poi una sport touring con gli scarichi alti e, addirittura, una moto con la catena!!!

Chi l'avrebbe mai detto: delle BMW ancora viaggiatrici, ancora indistruttibili, ma anche potenti, supertecnologiche e… divertenti. Proprio come la nuova R 1150 R che oggi abbiamo avuto l'opportunità di provare in anteprima: bella, innovativa e anche gustosa, "una roadster nata per il puro divertimento di guida" come sostengono in BMW.
La 1150 è la naturale evoluzione della R 1100 R
, naked di successo che già aveva chiarito quale fosse la filosofia BMW in fatto di nude: comfort innanzitutto, ma anche tanto piacere di guida. Tra la 1100 e la 850 (che resta in produzione invariata) sono state 53.000 le nude BMW uscite in sei anni dalla catena di montaggio.

PIÙ POTENZA PER IL BOXER

. Il motore della nuova R 1150 R sfrutta tutti gli step evolutivi di cui ha già beneficiato l'enduro GS grazie all'utilizzo dei gruppi termici della R 1200 C: la cilindrata sale a 1130 cc e la potenza del "flat two" quattro valvole cresce di cinque cavalli, ora sono 85 (62,5 kW) a 6.750 giri. Modesto invece l'incremento della coppia massima, passata da 97 a 98 Nm a 5.250 giri/min. Quello che però salta all'occhio è che la curva di coppia del propulsore si è fatta più corposa, in particolare tra i 3.000 e i 6.500 giri, quando sono costantemente disponibili più di 90 Nm. Il 50 per cento dell'incremento di potenza è dovuto al nuovo impianto di scarico con silenziatore di acciaio cromato, derivato dalla R 1150 GS.

SESTA PIENA

Ciò che invece è diverso dalla GS è il cambio, sempre a sei rapporti ma con sesta corta (come sulla R 1100 S), per assicurare una maggiore sportività. Chi vorrà utilizzare la R per il turismo a largo raggio potrà in ogni caso avere in optional la sesta marcia lunga, in pratica un overdrive che abbatte il regime di rotazione del motore. Per la enduro GS, invece, accade esattamente il contrario: sarà venduta con la sesta lunga e avrà come optional il cambio sportivo.
La gestione digitale del twin tedesco è controllata da una centralina Motronic 2.4 che gestisce iniezione, accensione e sonda lambda del catalizzatore.

VESTITINO TUTTO NUOVO

Dove la "R" è cambiata di più è nel design. Rifatta da cima a fondo, la naked bavarese offre ora una linea originale ed aggressiva, senza gli scompensi estetici che avevano caratterizzato la 1100. I due radiatori, prima disposti in modo un po' posticcio sopra i cilindri, non solo hanno aumentato la capacità di smaltimento del calore ma sono stati inseriti nelle coperture laterali del serbatoio e sono quindi finalmente integrati nella linea complessiva della moto. Serbatoio, sella, manubrio, cerchi: quasi tutto è nuovo. Eccezion fatta per il faro e la strumentazione, mutuati dalla 1100, la maggior parte dei componenti della R 1150 R sono infatti realizzati ex novo. Proprio il serbatoio è protagonista indiscusso dell'estetica della moto: cresciuto di volume (ora ci stanno 20,4 litri di verde per un'autonomia di circa 360 km) incombe sul motore con tutta la sua imponenza. Inedito anche il sellone, diviso in due parti e non più regolabile in altezza, fissata a 800 mm. È comunque disponibile anche una sella ribassata a 770 mm.
I cerchi a cinque raggi sdoppiati sono gli stessi della R 1100 S. L'imponenza della parte centrale contrasta con la snellezza della coda, fin troppo dimessa, al punto che, a parer nostro, installando il piccolo portapacchi di alluminio offerto in optional (che contribuisce a slanciare la coda verso l'alto) il look ci guadagna.

TUTTO REGOLABILE

Anche la ciclistica ha fatto progressi, senza però subire stravolgimenti. Squadra che vince non si cambia, ecco quindi che anche sulla 1150 ritroviamo l'accoppiata Paralever e Telelever (quest'ultimo utilizza un nuovo braccio alleggerito realizzato in traliccio di acciaio molto meno evidente del precedente), rivista per offrire un maggior controllo nella guida veloce. Per la prima volta l'ammortizzatore anteriore (Showa) è regolabile anche nel freno in estensione, un altro segno di maggiore sportività. Lo stesso accade per l'ammortizzatore posteriore anch'esso regolabile in compressione (il classico manopolone BMW è però un po' meno a portata di mano del solito) ed in estensione.
Nuovo anche l'impianto frenante (settore in cui le BMW non ci hanno mai particolarmente impressionato), la sigla EVO, ma soprattutto due pinze finalmente di dimensioni adeguate, promettono maggiore potenza (+20%) ma soprattutto maggior feeling alla leva (a parità di frenata lo sforzo è diminuito del 15 percento), campo questo in cui gli impianti BMW non hanno mai primeggiato. L'impianto è tra l'altro abbinabile al nuovo sistema di frenata Integral ABS che sulla R 1150 R è disponibile a richiesta. La R 1150 R è proposta in tre colori: blu atlanta metallizzato, rosso metallizzato con sellone nero, nero notte, cui si possono abbinare due diversi colori di sella.
Lunga come sempre la gamma degli optional, soprattutto quelli impegnati a caratterizzare turisticamente la 1150. Sellone passeggero comfort, presa elettrica, staffe paracilindri, motovaligie, borsa per serbatoio, trasformano la R 1150 R da grintosa piegatrice a globe trotter su due ruote.
Il tutto a 21.500.000 lire chiavi in mano, una quotazione che allinea la naked BMW alle altre moto "svestite". Dalla sua la bavarese ha una versatilità sconosciuta alle avversarie, pur senza rinunciare ad un gusto di guida sconosciuto finora alle nude BMW.

Autore: Stefano Cordara
Data: 06/08/2001

Prosegui: COME VA

Home | Prove su strada

Honda VFR800X CrossrunnerHonda VFR800X Crossrunner
È rivista nel look e nei contenuti la nuova Honda VFR800X ...
MV Agusta Brutale 800 RRMV Agusta Brutale 800 RR
Più Brutale che mai
MV Agusta Brutale 800 Dragster RRMV Agusta Brutale 800 Dragster RR
Ancora più speciale con la Dragster RR. Anche nel prezzo…
Honda Gold Wing F6BHonda Gold Wing F6B
La baggerona a luci rosse Gold Wing F6B in giro per la città
Yamaha MT-07, la prova in stradaYamaha MT-07, la prova in strada
Come si guida la Yamaha MT-07 kittata?

Home | Magazine

Una MV Agusta F4 RR per la BenemeritaUna MV Agusta F4 RR per la ...
Una MV Agusta F4 RR celebra i 200 anni dell'Arma dei Carabinieri
Bienville Legacy 2015Bienville Legacy 2015
La Bienville Legacy 2015 ha dettagli curatissimi e può avere ...
Moto Guzzi V7 II a schema libero Moto Guzzi V7 II a schema libero
Dark Rider, Scrambler, Heritage e Café Racer: quattro kit per una ...
Yamaha TDM 2015: una foto in reteYamaha TDM 2015: una foto in rete
Sfugge negli USA la prima foto della Yamaha TDM 2015
Yamaha WR250F 2015Yamaha WR250F 2015
La Yamaha WR250F 2015 è la prima enduro con cilindro... ...
BMW R 1200 GSBMW R 1200 GS
Il giro della Sardegna quest'estate l'ho fatto in sella alla BMW ...
7 sfumature di BMW S 1000 RR7 sfumature di BMW S 1000 RR
A Jerez con le migliori BMW S 1000 RR da corsa
Prove moto
BMW R 1200 R 2015 BMW R 1200 R 2015
La roadster di Monaco non ha più il Telelever
BMW S 1000 RR 2015BMW S 1000 RR 2015
La BMW S 1000 RR 2015 è più affilata e potente
BMW Tracker by Fuel Bespoke MotorcycleBMW Tracker by Fuel Bespoke ...
La nona di Kevin Vives è una BMW Tracker
BMW S 1000 XRBMW S 1000 XR
La BMW S 1000 XR si prepara per l'Intermot di Colonia
BMW Motodays 2014 a GarmischBMW Motodays 2014 a Garmisch
Birra, moto e tante special: questi sono i BMW Motodays
Magazine moto