Digg Facebook Twitter Feedburner

Prova Honda Integra: la prova in video

L'Honda Integra è a metà strada tra uno scooter e una moto

Prova:  Honda Integra: la prova in video

NOME HOMEN Il concetto di crossover si sta diffondendo sempre più tra le due ruote, come se ci fosse una sorta di contagio partito dal mondo delle auto. Ce n'è per tutti i gusti, dalle tourer vestite da enduro, alle motard ipertrofiche che non disdegnano i viaggi. Ora però c'è anche chi azzarda di più: si tratta della Honda Integra, che cerca - come dice la parola stessa - d'integrare addirittura alcuni elementi  di una moto con quelli di uno scooter, portando su strada le idee introdotte dal concept New Mid.

MASCHIO O FEMMINA? Partiamo allora subito con la domanda più scontata: l'Honda Integra è più una moto o più uno scooter? L'unico che ha le idee chiare in materia è suo "padre", ovvero il project leader, Masanori Aoki, che nella sua lunga carriera ha disegnato solo moto (tra cui la splendida NS400R...). Quando gli ho spiegato che in Italia molto spesso della moto si parla al femminile mentre dello scooter al maschile e gli ho chiesto se per lui l'Integra fosse un figlio o una figlia, non ha avuto un'esitazione e ha risposto "She's a daughter!", è una figlia, appunto.

VESTITO COMODO Io stesso, invece, alla fine della prova, non sono riuscito a darmi una risposta definitiva al 100%. Il look tende più verso lo scooter, specie nella parte anteriore, dove si trova uno scudo moderno e dalle dimensioni piuttosto generose, al pari di quelle del faro multireflector. A completare la carena ci sono un parabrezza ampio, due pedane avanzate e, nella parte interna, un piccolo vano portaoggetti buono per il biglietto dell'autostrada. Tipicamente scooteristica è poi la sella, grande come la poltrona del nonno e con un vano sottostante da 15 litri, sufficienti ad accogliere un casco demi jet (ma solo di quelli piccoli, a scodella) e dotato anche di presa di corrente. Tuttavia anche questo indizio non basta a fare una prova a favore della teoria scooter.

SCHELETRO FORTE Sul fronte opposto c'è infatti un codino snello, non molto diverso da quello di una naked, così come pure lo scarico cilindrico cromato. Da moto è poi quasi tutta la ciclistica, che ha come pezzo forte un telaio in tubi d'acciaio di grosso diametro. All'anteriore c'è una forcella telescopica con steli da 41 mm, collegata a un cannotto di sterzo inclinato di 27° per un'avancorsa di 110 mm. Sul fronte opposto c'è un forcellone che lavora tramite leveraggi progressivi un monoammortizzatore regolabile nel precarico molla, secondo il classico schema ProLink. Il tutto per 238 kg in ordine di marcia e con il pieno di benzina.

LE MISURE CONTANO Le ruote sono da 17", separate da un interasse di 1.525 mm, gommate 120/70 davanti e 160/70 dietro, mentre l'impianto frenante conta su due dischi. Quello anteriore è da 320 mm e quello posteriore da 240 mm e fanno gioco di squadra con il sistema C-ABS, con dunque antibloccaggio di serie e frenata combinata, che prevede il fatto che con la leva di destra si usi il freno anteriore e con quella di sinistra il posteriore e il pistoncino centrale della pinza anteriore.

UN CUORE NUOVO Il cuore dell'Honda Integra è un nuovo bicilindrico in linea che sfoggia numerose soluzioni fuori dal coro (è realizzato con otto brevetti esclusivi) e che rappresenta il punto di partenza attorno a cui ruoterà una gamma di nuovi modelli che vedremo a breve, a partire da una "vera" naked. Il corpo cilindri è per esempio inclinato in avanti di 62°, mentre la fasatura dell'albero motore è a 270°, soluzione utile a dare un carattere deciso e un sound rotondo. Alesaggio e corsa misurano rispettivamente 73 e 80 mm, per una cilindrata complessiva di 670 cc.

BEVE POCO Tra i suoi assi nella manica ci sono anche una fasatura delle valvole specifica per ogni cilindro, studiata per far funzionare il motore piuttosto "magro", con un rapporto aria/benzina di 14:1. Ciò si traduce in consumi bassi, con una percorrenza media dichiarata di 27,9 km/litro (secondo il ciclo WMTC) e in emissioni contenute, inferiori del 50% ai limiti della norma Euro3. La poca sete di benzina non impedisce comunque al bicilindrico giapponese di far registrare al banco una potenza massima di 51,8 cv a 6.250 giri e un picco di coppia di 62 Nm a 4.750. Giusto per inquadrare questi dati, in moneta sonante significa che sotto i 6.000 giri (dove si sta nell'80% dei casi, secondo una ricerca della stessa Honda) l'Integra ha più motore della CBF600.

DI BENE IN MEGLIO Tecnologicamente parlando, il fiore all'occhiello dell'Honda Integra è però il reparto trasmissione, con la seconda generazione del cambio robotizzato a doppia frizione DCT portato al debutto dalla VFR 1200. Rispetto a quello della sorella maggiore ci sono aggiornamenti importanti tanto a livello strutturale quanto in tema di software. Le dimensioni sono più compatte, con frizioni a tre dischi da 12 mm anziché a cinque dischi da 14 mm, mentre sono confermati i due alberi concentrici, uno per le marce pari e uno per quelle dispari. Le modalità di funzionamento sono tre, oltre al folle. Dal blocchetto di destra, utilizzando il pulsante grigio, s'inserisce la funzione Drive, per una selezione delle marce automatica e rilassata. Con una seconda pressione del pollice si passa alla Sport, sempre automatica ma che tiene il motore più su di giri ed è più rapido nelle scalate, mentre con l'indice destro si può passare al programma manuale.

INCATENATA Per chi ama invece il fai-da-te ci sono così i due pulsantini + e - sul lato sinistro, che permettono una selezione manuale delle marce, utilizzabile anche in modalità automatica, quando si desidera una marcia diversa da quella scelta dalla centralina. Quest'ultima ha comunque sempre l'ultima parola e impedisce di andare in fuorigiri o di far scendere troppo il regime del motore, selezionando le marce di conseguenza. In mezzo a tanta sofisticazione stona non poco la scelta di dotare l'Honda Integra di una trasmissione finale a catena. Una cinghia sarebbe stata di gran lunga preferibile, non richiedendo manutenzione ed essendo anche più silenziosa.

SOTTO QUOTA 10.000 Il prezzo dell'Honda Integra, che debutta all'Eicma ed è attesa sul mercato a febbraio, è ancora in via definizione ma si sa per certo che sarà sotto i 10.000 euro per tutti e quattro i colori proposti (bianco, rosso, blu e nero). Questa soglia si potrebbe superare comunque lasciandosi tentare dalla lista degli optional, che sembrano fatti apposta per esaltare la praticità e la vocazione al turismo. Ai globetrotter sono destinati infatti il bauletto (offerto in versione nera da 35 litri o in tinta con la carrozzeria da 40 lt), le borse laterali (da 29 lt ciascuna) e le manopole riscaldabili, oltre all'attacco per il navigatore. Per le soste in città non mancano poi l'antifurto e un lucchettone dedicato.

Autore: Paolo Sardi
Data: 13/02/2012 11:06:00

Prosegui: COME VA
velodita massima qualcuno mi sa dire la velcita massima di questo scuter? Inviato da: Anonimo - 23/02/2013 18:44:24
Consumi 25 km/l di media !!!!i Inviato da: integrazzzz - 01/12/2012 14:28:12
X integra71 Magari fosse come dici tu. Cremimi sarei ben lieti di poter riscontrare gli stessi consumi ma proprio navigando in rete mi sembra che qualcun'altro registri percorrenze metriche molto simili alle mie (urbane!!!!) che alle tue. Chissà ....... ??!! Inviato da: Ciccio - 27/10/2012 21:22:07
Xciccio hai problemi .....io a PESCARA CREDIMI che ha un bel traffico .....mai sotto i 25 km/l ....... Inviato da: integra71 - 15/10/2012 12:44:39
Consumi??? Leggendo quanto dice Ciccio ci resto molto male nellp'apprendere di questi consumi. Io con il mio sw400 faccio 19/20 e speravo nell'Integra percorrenze di 22/25 in città.... Era la discriminante per prendere honda invece di BMW 650 GT (che credo consumi comunque di +).... ciao a tutti... Inviato da: piolinox - 15/10/2012 12:32:16
Frizione Mi interesserebbe qualche suggerimento per regolazione tempi di risposta della frizione in fase di manovra nel traffico . Integrissima a tutti Inviato da: Ciccio - 13/10/2012 18:48:52
Misurazione consumi Pur avendo effettuato rilevazioni con diverse modalità il risultato si è comunque aggirato intorno ai 18 km/Lt in ciclo quasi totalmente urbano ( traffico Roma). Risultato piuttosto buono per 670 cc ma ben lontano dai valori che spesso si leggono con indicazioni generiche sulle condizioni di uso (es. Velocità costante?). Buona guida a tutti Inviato da: Ciccio - 10/10/2012 21:05:37
Cambiata rumorosa Sicuramente avverto anch'io il passaggio di marcia ma il rumore meccanico mi sembra sia quello che ci si aspetti da un cambio da moto. Nulla che richiami l'attenzione! Inviato da: Anonimo - 02/10/2012 22:28:37
bivalenza ah dimenticavo, ho notato che Honda sul sito ora mette l'Integra sia sotto "moto" che sotto "scooter". chissà quanto ci han pensato (prima era solo sotto scooter); ma direi che è la soluzione migliore. Inviato da: anselmo - 02/10/2012 13:42:30
per Ciccio leggo solo ora e ti ringrazio per l'attenzione e il contributo, sono comunque arrivato alla conclusione che il funzionamento del cambio va valutato non ad orecchio (i rumorini possono essere fuorvianti sulla valutazione della velocità della cambiata) ma a sensazione. A proposito, approfittando della tua gentilezza, accelerando completamente in modalità S (massima accelerazione possibile) da fermo, quando entra ogni rapporto superiore lo avverti? se si quanto? io sento le cambiate sono molto meno dolci che negli altri casi (non penso di avere dei problemi ma vorrei un confronto, grazie) Inviato da: anselmo - 02/10/2012 13:41:11
Totale pagine 21 | Pagina: 1

Vedi anche

Honda DCTHonda DCT
Il futuro del cambio.
Honda VFR 1200 F DCTHonda VFR 1200 F DCT
Su strada con la Honda VFR 1200 F DCT, ovvero la prima moto al ...
Honda EV-STER Honda EV-STER
Sportiva "verde" a misura di città
HONDA: due concorsi per il 2012HONDA: due concorsi per il 2012
In palio il nuovo Integra e la partecipazione all'Epic Tour ...
Honda NC700XHonda NC700X
La Honda NC700X sorprende con la sua versatilità
Honda CTX700 e CTX700NHonda CTX700 e CTX700N
Per ora sono solo per gli States
Honda Integra 750Honda Integra 750
Cresce la cilindrata, si aggiorna l'estetica
Honda Integra 750Honda Integra 750
Don't call me scooter

Home | Prove su strada

Scrambler DucatiScrambler Ducati
Scrambler Ducati è stile e semplicità, l'essenza moderna di una ...
Yamaha MT-09 TracerYamaha MT-09 Tracer
Tra le crossover medie c'è una nuova stella: è la Yamaha MT-09 ...
MV Agusta Stradale 800MV Agusta Stradale 800
Turismo rapido con la MV Agusta Stradale 800
BMW R 1200 R 2015BMW R 1200 R 2015
La roadster classica, la BMW R 1200 R 2015, ora è meno classica
Yamaha MT-07, la prova in pistaYamaha MT-07, la prova in pista
La Yamaha MT-07 al banco prova del Tazio Nuvolari

Home | Magazine

Calendario Barracuda 2015, il backstageCalendario Barracuda 2015, il ...
La bella Alina Davydova interpreta il tema di quest'anno: ...
Collezione Harley-Davidson Core 2015 Collezione Harley-Davidson Core ...
Harley-Davidson presenta le novità della collezione Core, per lui ...
BMW Motorrad Italia SBK Team 2015BMW Motorrad Italia SBK Team 2015
Sarà ancora Sylvain Barrier il pilota per la nuova stagione
Vespa official community Vespa official community
E' nata la prima community dedicata al brand Vespa
Ufo Plast: le novità per il 2015Ufo Plast: le novità per il 2015
La nuova collezione Ufo Plast 2015 offre molte soluzioni per chi ...
Honda VFR800X CrossrunnerHonda VFR800X Crossrunner
È rivista nel look e nei contenuti la nuova Honda VFR800X ...
Honda CBR1000RR Fireblade SPHonda CBR1000RR Fireblade SP
CBR all'ennesima potenza
Prove moto
Honda CB125F 2015Honda CB125F 2015
La Honda CB125F 2015 promette oltre 50 km/litro
Eicma 2014, lo stand HondaEicma 2014, lo stand Honda
La regina dello stand Honda all'Eicma è la RC213V-S, una MotoGP ...
Honda True Adventure PrototypeHonda True Adventure Prototype
Pronti al ritorno dell'Africa Twin?
Honda SH 30th AnniversaryHonda SH 30th Anniversary
All'Eicma l'Honda SH soffia su trenta candeline
Honda 2015 Repsol #93Honda 2015 Repsol #93
Sono quattro i modelli che vestono i colori HRC Repsol #93 in ...
Magazine moto