Autore:

IL NOME MENTE La BMW è l'ultima arrivata sul mercato. 650 di nome e 800 di fatto (il motore è lo stesso bicilindrico 800 di tutta la serie F, debitamente addolcito) è, secondo BMW la perfetta entry level per chi vuole iniziare ad andare in moto. Per questo ha la sella stretta e bassa (820 mm), e una maneggevolezza esagerata data anche da un peso globalmente basso (171 kg a secco). La posizione in sella è strana, la sella è davvero bassa e anche poco imbottita, oltretutto non si raccorda alla perfezione con il serbaoio. Il manubrio è alto, le pedane un po' avanti. Sembra davvero di guidare una BMX con il motore.

LEGGERA E FACILE Come già detto la maneggevolezza è senza dubbio il suo punto di forza, che ne fa una perfetta city bike, adatta a spostarsi velocemente nel commuting urbano e non solo. Però poi la BMW deve soccombere quando si parla di protezione aerodinamica o di stabilità alle alte velocità. Il piccolo cupolino non basta, infatti, ad offrire una protezione a livello delle avversarie, e anche le gambe viaggiano un po' più scoperte. Basta questo per far capire che l'indole della F 650 non è quella della viaggiatrice di lungo corso, ma piuttosto quella della commuter per il casa-ufficio.


MOTORE AZZECCATO Promosso a pieni voti invece il motore, il twin tedesco ha un bel rombo e una erogazione facile ma decisa, eroga i suoi 71 cv non senza un certo brio e con una curva di coppia molto piena a tutti i regimi, aiutata anche dalla cilindrata maggiore rispetto alle concorrenti. Insomma è un motore riuscito questo twin, che non delude non solo il novizio che troverà la facilità di guida che cerca ma anche il motociclista navigato che volendo avrà la grinta che desidera.

SOSPENSIONI Le sospensioni sono semplici in particolare la forcella dall'aspetto piuttosto esile, ma alla fine tutto funziona bene senza che ci siano particolari critiche in relazione all'utilizzo che si deve fare della moto.

DISCO SOLITARIO Il solitario disco del freno anteriore (da 300 mm), invece, vorrebbe tanto un gemello a dargli una mano, la frenata è a prova di panic stop ma la leva va tirata forte. Volendo c'è anche l'ABS, offerto in optional, ma BMW è già la più cara delle tre moto prese in esame, aggiungendo l'ABS il prezzo è quasi fuori mercato.