Autore:
Stefano Cordara

VOGLIA DI DESERTO Abbiamo già parlato della Yamaha XTZ1200R, la versione speciale della Super Ténéré 1200 che con Francesco Catanese avrebbe partecipato al Campionato Motorally. Ora la Yamaha e il grande (letteralmente) pilota Bolognese vogliono fare di più: si presenteranno infatti al via del Rally dei Faraoni. Per Yamaha si tratta praticamente di un ritorno ai grandi Rally africani con una moto bicilindrica, un ritorno storico viene da dire.  

CHE NUMERI! Chi pensa quindi che le moderne maxi enduro siano delle moto buone solo per il bar, l’asfalto o al massimo per qualche strada bianca, potrà ricredersi vedendo quello che Catanese riesce a fare con questa moto, che è modificata sì ma certo non è un prototipo. Le foto in azione e anche il video lo spiegano in modo piuttosto chiaro. Se siete interessati a sapere come va a finire potrete seguire la gara di Catanese sula pagina Facebook  ufficiale di Yamaha Motor Italia.

COME CAMBIA Per gli amanti della tecnica ecco come cambia la Super Ténéré per affrontare un Rally africano:
Sospensioni: monoammortizzatore Ohlins da 210 mm di escursione, forcella Ohlins a perno avanzato, con steli da 48 mm, 285 mm di escursione. Piastre ricavate dal pieno, con geometria regolabile.
Sella e manubrio: sella a profilo continuo rialzata (Francesco Catanese sfiora infatti i due metri di altezza), manubrio in lega leggera rialzato con riser da 20 mm.
Serbatoi: posteriore destro da 8,5 litri di benzina con pompa a depressione collegata al serbatoio anteriore di serie da 23 litri (capacità totale di 31,5 litri). Serbatoio acqua laterale sinistro da 4 litri (obbligatorio da regolamento rally raid) con porta attrezzi per la dotazione di sicurezza obbligatoria: 3 razzi, specchietto, torcia led, cartina Egitto, coperta termica e Balise, strumento satellitare per chiamare l'assistenza in caso di emergenza.
Centralina: Diapason Racing che porta la potenza di XTZ1200R Pharaons 2011 a 120 CV, la centralina è disponibile come ricambio per l’installazione sui modelli di serie.
Impianto frenante: disco singolo oversize anteriore Braking Batfly, con pinza e pompa di derivazione cross. Tubazioni aeronautiche in treccia metallica.
Ruote e pneumatici: pneumatici Michelin Desert da 21” all’anteriore e da 18” al posteriore con mousse. Ruote da enduro.
Altre modifiche: scarico Akrapovic in titanio, leva del cambio con testa snodabile, paramotore allargato, mini porta-targa posteriore e pedane in ergal di derivazione cross.
Ovviamente la XTZ1200R Pharaons 2011 è dotata anche dell’intero pacchetto di strumentazione obbligatoria che consente ai piloti di navigare in gara ed essere sempre in contatto con l'organizzazione via satellite: road book MD, trip master ICO, Sentinel e sirena avvertimento sorpassi, GPS ed Iritrack.