Vuoi vedere che il libero mercato è libero per davvero? Vui vedere che la concorrenza fa davvero bene ai prezzi? Da pochi giorni ci è giunta notizia del riposizionamento degli scooter Yamaha ed ecco che anche Suzuki segue passo passo la stessa strada, rivedendo il suo listino. Verso il basso, ovviamente. La crisi non perdona, e la politica dei prezzi chiari può essere un arma in più per accaparrarsi preziosi clienti.

Suzuki Burgman 125Così anche il listino dei Burgman 125 e 150 frana. Il 125 passa a 2990 € (prima 3.700 €), mentre il 150 scende a 3.150 €(prima 3960€ ), prezzi tutti franco concessionario. Come al solito una decisione che sta a metà tra il popolare e l’impopolare. La necessità di vendere spinge i concessionari a fare sconti selvaggi e incontrollati, convincendo in un certo senso il cliente che comprando da lui ha fatto un vero affarone. Senz’altro meglio avere prezzi chiari e uguali dappertutto anche se con questi tagli ai listini ci sarà sempre chi si troverà fregato, avendo magari comprato lo scooter il giorno prima pagandolo di più…

Suzuki GSX-R 600

Oltre ai nuovi prezzi del Burgman, la Suzuki ha confermato come definitivo il prezzo promozionale della GSX-R 600 (8898 €) e modificato il prezzo della V-Strom ora in listino a 9730 €.

Restano in vigore fino al 30 giugno le campagne sulla GS 500

(4.980 €) e sulle SV modello 2002, rispettivamente in vendita a 6.683 € (nuda) e 6.986 € (standard).

TAGS: suzuki riposiziona i burgman