Autore:
Stefano Cordara

Nessuno lo ha ancora battuto quanto a prestazioni e tecnologia. In futuro sarà ancora più difficile perché il Burgman 650 aggiunge una versione ancora più prestigiosa, denominata Executive. Nessuna variazione nella potente meccanica, il bicilindrico parallelo con trasmissione automatica-sequenziale resta uno dei migliori sulla piazza e non c’era motivo di modificarlo. Però l’Executive offre molto di più dal punto di vista della sicurezza. I freni adottano ora il sistema antibloccaggio, molto utile anche perché il Burgman 650 non ha frenata integrale e al posteriore bloccava fin troppo presto. Nel pacchetto arrivano anche gli specchietti a chiusura elettrica, una manna per chi usa il Burgman nel traffico che si è sempre trovato a dover lottare con l’ingombro laterale dello scooterone Suzuki. L’Executive è facilmente riconoscibile dalla versione standard (che resta in listino) per alcuni particolari cromati (contrappesi al manubrio, paracalore sul silenziatore) e per lo schienalino del passeggero. Arriverà a gennaio, probabilmente allo stesso prezzo del Burgman attuale, che rimanendo in listino verrà riposizionato ad un prezzo minore.


TAGS: suzuki burgman 650 executive