Ormai sono due anni che le moto nero/argento di Ronco Briantino si sfidano sugli stessi tracciati del campionato italiano Supermotard. L’idea è semplice, consentire a tutti coloro che lo desiderano di correre a costi contenuti. I vincoli sono pochi. Basta possedere una VOR supermotard di qualsiasi cilindrata 400,503,530, tutto il resto è libero: freni sospensioni e quant’altro sono lasciati alla discrezione e all’ingegno dei piloti e dei meccanici.

Per iscriversi non serve altro, (licenza a parte) e siccome in Vor ci tengono a mantenere lo spirito del trofeo promozionale, al Supermotard VOR Trophy si possono iscrivere solo piloti che non abbiano ottenuto più di cinque punti nel campionato Italiano di specialità.

Quest’anno il trofeo si è articolato su 8 prove, ciascuna di due manche, che si sono svolte in concomitanza con il campionato italiano, un occasione in più per chi vuole mettersi in mostra davanti ai team manager delle squadre ufficiali.

A conferma della volontà di ridurre il più possibile le spese anche il prezzo dell’iscrizione si mantiene a livelli del tutto accettabili. Nei 2.400.000 lire richiesti è compreso anche un sostanzioso kit che comprende in casco, un manubrio, un kit trasmissione, una confezione olio, un set plastiche, un treno di pneumatici, abbigliamento e uno stage con il pilota ufficiale VOR Partick Guyot. Chi non avesse una moto propria può inoltre contare su uno sconto del 10% sul prezzo di listino della moto nuova.

Il montepremi è decisamente interessante

. Al primo classificato in campionato va una VOR 503 SM modello 2002, al secondo 3.000.000 di lire, al terzo 2.000.000 di lire, al quarto e al quinto 1.000.000 di lire a testa.

Licenza necessaria:

Velocità promozionale

Info:

A.T. Agency, Via Guttuso 14, 51015 Monsummano Terme (PT).
Tel e fax: 0572 / 953425.
www.vor.it

TAGS: supermotard vor trophy