Autore:
Alessandro Codognesi

IL CASO E’ CHIUSO E’ fatta. Ducati Motor Holding è definitivamente passata in mano a Audi AG, tramite la controllata Automobili Lamborghini S.p.a. Che vi piaccia o meno, dunque, la Rossa delle due ruote è stata definitivamente assorbita dai tedeschi, con tutti i pro e i contro del caso.

IO QUI, TU Lì C'è di più: la nuova proprietà ha nominato ieri i nuovi membri del consiglio d’amministrazione. Per la presidenza della società italiana è stato scelto Rupert Stadler, attuale amministratore delegato di Audi, mentre in rappresentanza di Ducati ci saranno Gabriele Del Torchio e Claudio Domenicali. Horst Glaser e Axel Strotbek porteranno la vioce di Audi nel consiglio di amministrazione. Duclis in fundo, Gabriele Del Torchio è stato nominato amministratore delegato di Ducati, giusto a sottolineare le origini italiche dell’azienda bologonese.

CAPUT MUNDI Due paroline vanno spese per Audi, o meglio, per il gruppo cui appartiene. In questo momento Volkswagen sta giocando a Risiko, e come fosse una partita, sta occupando i vari stati (tra cui Ducati) con i propri carri armati, spaventando sempre più i suoi avversari. Con quest’operazione, infatti, Volkswagen ha aggiunto le moto alla propria già ampia gamma di marchi a quattro ruote, così da poter attaccare la sua eterna rivale BMW anche sul fianco Motorrad. D’altro canto, se c'è ora una Casa che può permetterselo è proprio Volkswagen, visto che, a dicembre 2011, l’azienda ha fatto registrare 17 miliardi di euro di liquidità netta. Prossima mossa, l'Alfa Romeo o la Kamchatka?


TAGS: audi compra ducati nuovo board di ducati ducati board nuovo cda ducati ducati audi