Dal Winsconsin al lago Maggiore, i cowboy sono arrivati fino alla Schiranna. L'8 agosto scorso è diventato ufficiale quel che già da tempo si era concretizzato: il passaggio della MV nelle mani degli americani dell'Harley Davidson.

La casa di Milwakee non si è limitata all'acquisto del pacchetto di maggioranza, ma ha rilevato il 100% delle quote del marchio varesino per circa 70 milioni di euro. Castiglioni cede dunque il passo, ma non il testimone: resterà presidente e avrà al suo fianco alcuni manager di Harley.

Con l'acquisizione di MV, Harley intente rafforzare la propria presenza in Europa con un'altra moto da sogno. Il marchio resta dunque quello che è già: un'icona del lusso, rilanciata da capitali stranieri. E le moto, quelle di prima (saranno sviluppate insieme alla CRC di Massimo Tamburini), con un bollino a stelle e strisce sul libretto di circolazione e un occhio al bilancio aziendale.