Autore:
Paolo Sardi

Claudio Castiglioni, 64 anni, Presidente di MV Agusta Motor S.p.A., è mancato questa mattina a Varese, dopo una lunga lotta contro la malattia.

Dopo l’esperienza nelle aziende di famiglia specializzate in minuterie metalliche, nel 1978, complice la grande passione per la moto, Castiglioni ha fondato Cagiva e, nel corso degli anni successivi, ha via via acquisito e gestito marchi gloriosi come Ducati, Husqvarna e MV Agusta. Per certi versi si devono quindi a lui molte moto che si possono considerare pietre miliari di stile, prestazioni, eleganza e sportività, oltre che icone del made in Italy: Cagiva Elefant e Mito, Ducati 916 e Monster, MV Agusta F4 e Brutale.

Sotto la sua guida, Cagiva ha scritto pagine memorabili della storia delle competizioni, nella 500 GP, come nella Parigi Dakar e nel Campionato Mondiale di Motocross. Sono inoltre della sua epoca i primi successi Ducati nella Superbike e diversi trionfi mondiali Husqvarna nell'enduro, nel cross e nel supermotard.

Al centro della sua storia professionale e umana c’è, però, proprio la MV Agusta, a cui ha dedicato quindici anni di vita e che a breve svelerà gli ultimi gioielli cui ha lavorato il Presidente, assieme al figlio Giovanni: MV Agusta F3 e Brutale 675.


TAGS: mv agusta brutale claudio castiglioni morto