Autore:
Paolo Sardi

A GONFIE VELE I dati parlano chiaro: il mercato delle gomme radiali per scooter è in forte crescita. Nel corso degli ultimi otto anni le vendite sono in pratica raddoppiate, sull'onda del successo riscosso dai maxi scooter, e Michelin è ora pronta ad ampliare la sua offerta di pneumatici per la stagione 2016, con il lancio di due prodotti inediti. Si tratta del Michelin Pilot Road 4 Scooter e del Michelin Pilot Power 3 Scooter, gomme strutturalmente simili ma che, alla fine dei conti, si rivolgono a utenti diversi. Vediamole in dettaglio, senza dimenticare che hanno molto in comune con le coperture da moto omonime.

MICHELIN PILOT ROAD 4 Il Michelin Pilot Road 4 è un pneumatico pensato per chi utilizza lo scooter tutto l'anno, macinando chilometri su chilometri, e cerca prestazioni di alto livello in ogni condizione climatica. Ciò a prescindere dal fatto che le temperature siano alte o basse (il suo range ottimale è molto ampio, tra 0 e 40°) e che l'asfalto sia bagnato o meno. Il Pilot Road 4 presenta il suo biglietto da visita a suon di dati: nei test comparativi svolti con il precedente Power Pure SC si dimostra capace di accorciare di 4 metri gli spazi di arresto sul bagnato da 50 km/h, pur a fronte di un incremento della durata del 10%. I suoi fiori all'occhiello sono la composizione 2CT a doppia mescola, più morbida sui lati del battistrada e più dura al centro, e la tecnologia XST+, che sfrutta un gran numero di intagli dai bordi smussati per un drenaggio ottimale dell'acqua. La presenza di queste lamelle non è uniforme e varia dall'anteriore (che dà direzionalità) al posteriore (che fornisce invece motricità), cambiando anche tra la zona centrale e quella laterale, perché diverse sono ovviamente le necessità in rettilineo e in curva.

MICHELIN PILOT POWER 3 Anche il Michelin Pilot Power 3 è un pneumatico con la stessa doppia mescola 2CT del fratello ma la sua destinazione d'uso è più sportiva. In questo caso i passi avanti rispetto al Power Pure SC si misurano in primis con il cronometro, con il Bibendum che dichiara un tempo sul giro della pista di prova inferiore di un secondo rispetto a quello ottenuto dal Pure SC (per intendersi, il crono è nell'ordine di 1' 10''). Ciò non gli impedisce comunque di fare a sua volta molto bene nei test di frenata sul bagnato, con un guadagno quantificabile questa volta in tre metri. Al di là degli aridi numeri, comunque, a fare la differenza tra Road 4 e Power 3 dovrebbe essere il diverso feeling e la capacità di infondere maggior sicurezza nelle differenti situazioni, in un caso nelle decelerazioni su fondi viscido, nell'altro nelle pieghe più accentuate. Inoltre, pur a fronte di un profilo molto simile (e più appuntito rispetto al solito Pure SC, a tutto vantaggio della maneggevolezza), il Pilot Power 3 si annuncia anche leggermente più rapido nello scendere in traiettoria.

UNA MISURA PER INIZIARE  Entrambi questi pneumatici saranno disponibili a partire da febbraio 2016, per il momento in una sola misura per l'anteriore (120/70 R 15 M/C56H) e una per il posteriore (160/60 R 15 M/C 67H). Quanto basta, comunque, per equipaggiare i modelli più apprezzati, come il TMax e gli scooter BMW. Più avanti, verso la fine del 2016 l'offerta si amplierà, con misure anche da 14 pollici.


TAGS: michelin Michelin Pilot Road 4 Michelin Pilot Power 3 gomme scooter pneumatici scooter