Quando la moto fa del bene. "La Lega del Filo d'Oro", unica associazione in Italia che si occupa di persone, in modo particolare di bambini, sordociechi e pluriminorati psicosensoriali, ha dato vita, in collaborazione con Kawasaki, ad un progetto denominato "Il filo d'oro che unisce l'Unione Europea".

I protagonisti di questa impresa sono Francesco Sechi e la Kawasaki ZRX1200R, scelta personalmente dal motociclista.

Lo scopo principale del viaggio è stato quello di portare in tutta Europa un messaggio di solidarietà e di speranza in nome dei meno fortunati. Francesco lo ha raggiunto, unendo in un unico e impegnativo percorso e in tempi relativamente brevi, tutte le capitali della vecchia Unione Europea.

In ogni città, Ambasciatori e Consoli italiani lo hanno accolto presso le rispettive sedi impegnandosi a divulgare gli scopi e le finalità della "Lega del Filo d'Oro".

Al di là dell'aspetto umanitario, l'impresa potrebbe entrare nel Guinness dei primati in quanto non esiste alcuna prova che dimostri che un tale percorso sia stato effettuato con modalità e tempi simili, vale a dire un viaggio in moto, compiuto in ventitré giorni, su un percorso di circa 15.000 chilometri.

Ecco l'itinerario:

Porto Torres (SS) - Roma - Atene - Osimo (AN) sede della "Lega del filo d'oro" - Vienna - Praga - Berlino - Copenaghen - Stoccolma - Helsinki - Amsterdam - Bruxelles - Lussemburgo - Londra - Dublino - Parigi - Madrid - Lisbona e Monte Carlo.

Per maggiori informazioni sull'associazione:

www.legadelfilodoro.it


TAGS: kawasaki: un record umanitario