Autore:
Alessandro Codognesi

UFFICIALE Non si tratta più solo di rumors e voci di corridoio: da qualche ora è arrivato il comunicato ufficiale degli uomini Honda, dove si dice a gran voce, con tanto di dichiarazione scritta dallo stesso pilota australiano, che Casey Stoner tornerà in sella alla Honda RC213V. Un clamoroso ritorno alle corse? Sembra di no: Casey, almeno inizialmente, farà la parte del collaudatore.

DETTAGLI CHE CONTANO Scendendo più nel dettaglio, l’australiano Casey Stoner nei prossimi mesi farà quattro test a Motegi con la Honda RC213V, a fianco del team R&D HRC. Casey lavorerà sulla versione evoluzione della MotoGP e sulla Production Racer, la moto “clienti” che verrà venduta ad alcuni team selezionati nella prossima stagione. L’obiettivo, per Honda, è di sfruttare le capacità dell’ex campione per sviluppare la RC213V 2014, ma anche, e soprattutto, le moto clienti. Ma cosa frulla in testa all’australiano?

PAROLE SUE Lui per ora parla così: “Sono passati sette mesi dalla mia ultima gara a Valencia e sono ancora convinto e felice della decisione di ritirarmi dalle corse. A volte però mi manca la RCV e per questo sono molto felice che HRC mi abbia chiesto di prendere parte a una serie di test a Motegi. Questo mi permetterà di avere quello che mi manca: guidare una MotoGP. Non vedo l'ora di salire sulla moto e vedere come è cambiata rispetto allo scorso anno e vorrei ringraziare Honda per questa opportunità”. Un piacere ricambiato da HRC, il cui vice-presidente Shuhei Nakamoto replica: “Siamo davvero felici di rivedere Stoner su una Honda. Lui conosce questa moto molto bene e sono sicuro che ci sarà di grande aiuto nello sviluppo della RC213V 2014”. Semplice "toccata e fuga" o il preludio a qualcosa di più duraturo?