Negli States e in Canada ha già dimostrato di potersi difendere alla grande anche tra i cordoli, ma in Italia non si era ancora fatta vedere in pista. Adesso che lo ha fatto possiamo dire che la maxi sportiva bicilidnrica della Casa di East Troy. La 1125 R pilotata da Luca Pedersoli e assistita direttamente dai tecnici della Harley Davidson Italia è scesa in pista domenica scorsa, a Misano, nella categoria supertwin, quella dove sono ammessi solo bicilindrici e in cui corrono veri e propri prototipi da 130 kg.

Una sfida che ha avuto il sapore della scommessa per lo staff H-D Italia,
che in pochissimi giorni ha allestito la moto con il minimo indispensabile per poter scendere in pista. La Buell da gara era quindi praticamente di serie, tanto che lo scarico era ancora quello standard, omologato Euro 3 della moto che può circolare regolarmente sulle strade aperte al traffico.


Nonostante tutto, la 1125 si è comportata in modo sorprendente, un Pedersoli particolarmente ispirato l'ha portata a cogliere la pole position durante le qualifiche del sabato. Anche in gara la Buell è stata protagonista, Pedersoli è sempre rimasto nelle prime tre posizioni, potendosi giocare anche la vittoria e stampando il giro più veloce della gara in 1:47:8.

Sarebbe stata una ciambella perfetta, con tanto di buco, se non fosse che un problema tecnico quando mancavano solo tre curve alla fine della gara ha tolto a Luca e alla Buell il gusto del podio, ma non quello di aver effettuato una gara comunque da protagonisti. Se son rose...


TAGS: Buell Racing Project