Da oggi il marchio MBK sparirà in Italia e nel resto d’Europa eccetto che in Francia e in Belgio, dove Motobecane prima ed MBK poi sono da sempre marchi forti. Una ristrutturazione importante che mette fine alla guerra intestina tra i due marchi, con scooter identici resi diversi soltanto dal marchio, dal nome e dalla gamma colori. Una ristrutturazione interna che avrà effetti anche sulla rete di vendita, articolata su 350 concessionarie ufficiali, con 180 Scooter Store, specializzati nella vendita di scooter, che si andranno ad aggiungere entro la fine del 2004 alle 170 concessionarie Yamaha Moto & Scooter, con la gamma completa Yamaha.

E il mitico Booster? Per ora i fan del mini scooter a ruote grasse dovranno accontentarsi di cavalcare uno Yamaha BW’S. Ma sembra che presto arrivi un nuovo Booster, con il diapason sullo scudo.


TAGS: addio mbk icona di un'epoca