Autore:
Alfredo Verdicchio

Risparmiare fin oltre il 40 % sulla polizza furto/incendio della propria moto. Una offerta decisamente allettante visto quello che costa assicurare la moto solo per l’RC. Ma come fare? Semplice, basta andare da un elettrauto specializzato e farsi montare Motosat, il primo satellitare per moto. Non un aggeggio ripescato dal mondo delle 4 ruote, ma un "grande fratello" specificatamente progettato e realizzato per le due ruote.

TECNOLOGIA SPAZIALE All’origine di questo nuovo prodotto c’è la Telematic Solution, una delle più importanti società italiane produttrici di tecnologia satellitare spaziale nel mondo. Tanto per intenderci, la stessa tecnologia utilizzata per la realizzazione dei sistemi di trasmissione dati per i satelliti che ci orbitano a qualche km sopra le teste.

SOTTO CONTROLLO Definire Motosat un semplice satellitare sminuisce il lavoro dei tecnici, che hanno voluto mettere al servizio del motociclista un nuovo compagno-strumento, su cui contare in qualsiasi situazione di bisogno o pericolo. Motosat nasce infatti come una sorta di

scatola nera per moto in continuo dialogo con un satellite. Ai computer della centrale operativa arrivano così le informazioni sulla moto "sotto controllo".

ANTIFURTO Oltre alle funzioni cartografiche di cui si può fare richiesta con una telefonata, Motosat copre la funzione di antifurto canonico (con segnale acustico) affiancato da appositi sensori antisollevamento che attivano la centralina per il bloccaggio del motore in caso di sollevamento o tentativo di attivazione senza utilizzo dell’apposito telecomando. Il bloccaggio del motore si attiva anche nel caso che lo stesso proprietario sbadatamente cerchi di attivare la moto senza il telecomando.

SOTTO CONTROLLO I sensori attivano il computer di bordo, che, tramite la rete GSM incorporata (Motosat dispone di una scheda SIM), invia un messaggio di soccorso alla Centrale Operativa, avvisandoli del tentativo di furto. Qui un operatore si attiva. Localizza la moto tramite le coordinate inviate dai satelliti che vi controllano ed avvisa il proprietario della situazione di pericolo. Nel contempo da l'avvio alla procedura di intervento delle forze dell’Ordine o di Guardie Private convenzionate, supportate dalla Centrale nella fase di localizzazione, trasmettendo le giuste coordinate o i continui movimenti del mezzo (il satellite trasmette ogni minuto la posizione esatta della moto in esame).

AZIONE IMMEDIATA Sembra una procedura lunga e lenta nell’attivarsi, ma gli uomini della Logica Italia, che da anni operano nel settore di sorveglianza satellitare per quanto riguarda flotte navali e di trasporto in genere, garantiscono interventi tempestivi, il tutto nell’arco di 3-5 minuti tra rilevamento, avviso del proprietario ed avviamento della procedura corretta.

AVVISO D'INCIDENTE Cosa più importante è che Motosat non si ferma al solo antifurto. Insieme ai sensori antisollevamento, il computer di bordo si attiva anche in situazioni di grande bisogno, come quello di un incidente stradale. Tramite un sensore d'urti, studiato appositamente per non scattare alla prime buche o vibrazioni, la centralina si attiva e mette in allarme la Centrale operativa, sempre tramite un SMS codificato per la richiesta d'aiuto, avvisando dell’avvenuto incidente.

SCHEDA MEDICA Sullo schermo del computer della Centrale compare l'avviso

d'incidente, l'operatore contatta immediatamente il cliente per accertarsi della situazione e della gravità del fatto, in modo da sapere con precisione quale procedura attivare, se di soccorso stradale come il carroattrezzi oppure dell'ambulanza. In quest'ultimo caso, poi, l'operatore potrà essere in grado di dare informazioni più precise ai medici che interverranno, in modo tale che l'ambulanza non arrivi impreparata. Per questo, al momento della registrazione con la Centrale Operativa, vengono richiesti ai clienti varie informazioni di carattere medico, come il gruppo sanguigno o possibili allergie a farmaci etc.

PROTETTI DALL'ALTO Una sorta di Grande Fratello, quindi, pronto ad attivarsi ad ogni richiesta di soccorso. Ma tanta sicurezza ha anche un prezzo elevato: la vostra privacy. Siete disposti a portarvi dietro un computer in grado di monitorare ogni movimento vostro e della moto? Se sì, tenetevi pronti a sborsare 950 Euro + 20% I.V.A., oppure 1.050 Euro + 20% I.V.A. per 2 anni di abbonamento.


TAGS: un grande fratello per le moto