Autore:
Stefano Cordara

COLPO SU COLPO Con un ultimo colpo di reni di Dani Pedrosa si chiude la prima giornata di test a Losail, prologo della lunga settimana che ci porterà alla prima, attesissima gara dell’anno. I colpi di reni non mancano. Stoner ostenta una sicurezza che fa paura, entra martella si piazza in cima al foglio dei tempi e non scende quasi più. Quasi perché quando il tempo volge al termine Pedrosa gli fa capire che non sarà una passeggiata ma dovrà vedersela con lui.

PEDROSA IN PALLA Camomillo che è finalmente riuscito a fare dei test invernali senza problemi non ci sta a farsi mettere da parte dall’ultimo arrivato in quella che considera casa sua e martella anche lui. Le luci artificiali del Qatar quindi non cambiano per ora i valori in campo. Le Honda vanno forte, anche quella satellite di Aoyama sorprendente terzo a fine serata, le Yamaha sono a punto e forse non sono le più veloci in assoluto ma di sicuro sono li e sono sempre efficacissime e sempre molto vicine tra loro.

YAMAHA IN COPPIA E Spies, ancora una volta, è davanti a Lorenzo. Più in sordina le prestazioni di Dovizioso e Simoncelli, ma ricordiamoci che la gara è domenica e durante i test c’è chi pensa solo ad andar forte e chi si sistema la moto. In ogni caso il livello è già alto e il gruppo è davvero molto compatto. 11 piloti in un secondo non sono uno scherzo è roba da Superbike, e sembra che quest’anno i distacchi saranno minori degli altri anni. Negli undici c’è anche Rossi, migliore Ducati settimo posto a 7 decimi dalla vetta.

DUCATI IN RISALITA Qui in Qatar, pista amica della Ducati, Rossi ha trovato il risultato che si aspettava di trovare a Sepang, è anche caduto durante i primi giri perdendo l’avantreno (come Stoner gli anni passati), ma sul finire della serata fa capire che potrebbe puntare almeno alla seconda fila il che visto com’erano messe in Malesia fa ben sperare i tifosi. Rossi non è stato il solo a cadere perdendo l’avantreno anche De Puniet è caduto due volte è evidente che il limite della Ducati in questo momento è proprio li davanti e che c’è ancora da lavorare. Álvaro Bautista, Hector Barberá, Loris Capirossi e Karel Abraham completano la top15, mentre Cal Crutchlow e Toni Elias chiudono il gruppo. Qui, per ora siamo proprio a livello di comparse..

TEMPI E DISTACCHI DELLA PRIMA GIORNATA DI TEST A LOSAIL

1 Dani Pedrosa Repsol Honda Team 1:56.271
2 Casey Stoner Repsol Honda Team 1:56.414 (+0.143)
3 Hiroshi Aoyama San Carlo Honda Gresini 1:56.444 (+0.173)
4 Ben Spies Yamaha Factory Racing 1:56.563 (+0.292)
5 Jorge Lorenzo Yamaha Factory Racing 1:56.682 (+0.411)
6 Colin Edwards Monster Yamaha Tech 3 1:56.742 (+0.471)
7 Andrea Dovizioso Repsol Honda Team 1:56.780 (+0.509)
8 Valentino Rossi Ducati Marlboro Team 1:57.038 (+0.767)
9 Nicky Hayden Ducati Marlboro Team 1:57.137 (+0.866)
10 Randy De Puniet Pramac Racing Team 1:57.143 (+0.872)
11 Marco Simoncelli San Carlo Honda Gresini 1:57.226 (+0.955)
12 Alvaro Bautista Rizla Suzuki MotoGP 1:57.302 (+1.031)
13 Hector Barbera Mapfre Aspar Team 1:57.325 (+1.054)
14 Loris Capirossi Pramac Racing Team 1:57.437 (+1.166)
15 Karel Abraham Cardion AB Motoracing 1:57.499 (+1.228)
16 Cal Crutchlow Monster Yamaha Tech 3 1:57.737 (+1.466)
17 Toni Elias LCR Honda MotoGP 1:58.250 (+1.979)


TAGS: motogp 2011 losail test