BORSE RIGIDE

Di borse per le moto ce ne sono davvero di tutti i tipi, al punto che al momento dell'acquisto è fin troppo facile trovarsi spaesati. Per andare in vacanza la tentazione di un tris di bauletti rigidi è grande: sta tutto all'asciutto e sotto chiave, ordinato senza dover imbrigliare ogni mattina il bagaglio con elastici e "ragni". Con un click si aggancia la borsa e con un clack si sgancia. Magnifico! Tutto vero o quasi. L'impermeabilità delle borse non è garantita, per capirlo basta osservare attentamente il bordo interno della chiusura. Più saranno grosse le guarnizioni meno acqua passerà. Comunque la soluzione più furba è quella di munirsi di borse interne (ce ne sono di predisposte per ogni tipo di valigia), a questo punto la tenuta all'acqua è assicurata e risulta anche più facile trasportare i bagagli una volta a destinazione.

VANTAGGI sono fissate in modo solidale alla moto, tenuta stagna (almeno presunta), forma regolare per stivare tanta roba.

SVANTAGGI Impongono il montaggio di un telaio ausiliario fissato stabilmente alla moto, ingombro elevato, peso della struttura+borse elevato.


ACCESSORI Il bauletto posteriore può essere dotato di portapacchino supplementare, molto comodo per oggetti ingombranti ma leggeri, e di schienalino per il passeggero. Ottimo, purché si ricordi al "secondo" che non è una poltrona per spaparanzarsi. C'è il rischio di spaccare gli attacchi del bauletto. Comoda anche la piletta interna, sinceramente meno interessante un accessorio come lo stop supplementare integrato nel bauletto. Molto furbo invece dotare tutti i bauletti di una serratura unificata, da aprire con la stessa chiave, una caratteristica disponibile per le borse di alta gamma, alcune delle queli offrono addirittura la chiusura a combinazione, quindi senza chiave. L'importante è avere buona memoria.


PANZER

Parlando di borse rigide vale la pena di citare l'esistenza di enormi casse in alluminio (adottate anche da alcune moto destinate all'aventura come BMW GS Adventure e Aprilia Caponord Rally Raid) dove i motociclisti tedeschi riescono a stivare il carico di un furgone. Sono robustissime ma decisamente antiestetiche, e aerodinamicamente sono un "muro". Ci si può fare un pensierino giusto in caso di viaggi estremi o particolarmente lunghi, dove oltre a portarsi dietro il mondo si sollecita il carico martoriandolo in fuoristrada. Non per niente sono le preferite dai viaggiatori "africani". Ma per una vacanza in Costa Azzurra ci sembrano eccessive, anche se c'è chi ha utilizzato le Rimowa imbottite in polistirolo della Caponord Rally raid come frigorifero portatila da spiaggia.

BORSE SOFT 

Molto più "easy", leggere e di facile installazione le borse morbide. Le migliori sono in assoluto quelle in robusto materiale tipo Cordura, estensibili per garantire un'adeguata capienza e dotate di cappuccio impermeabile. Queste borse si possono fissare in vari modi: disponendo di una struttura portaborse rigida vi si possono assicurare con le apposite cinghie, in mancanza di questa vanno fissate a cavalcioni della sella, con delle cinghiette in dotazione. Le più pratiche sono le borse morbide preformate, che potremmo definire semirigide; ne esistono addirittura di sagomate per le moto sportive, che non interferiscono con l'eventuale quattro in uno sparato verso il cielo. Il problema è però dato dalla sicurezza. Le borse morbide sono spesso semplicemente appoggiate si tolgono e mettono con facilità, purtroppo le tolgono altrettanto rapidamente anche i ladri, per cui ad ogni sosta è meglio asportarle o tenere la moto sott'occhio. 

VANTAGGI: Leggerezza, sono poco costose, facilità di montaggio e smontaggio, non richiedono telai particolari.

SVANTAGGI: sicurezza contro i furti, impermeabilità non perfetta (non tutte dispongono di coperture impermeabili).


BORSE IN PELLE PER CUSTOM 

Per i customisti il massimo sono le bisacce in pelle. Assicurarsi che siano dotate di cappuccio impermeabile, perché la pelle, oltre a non essere impermeabile, con l'acqua si rovina. Per evitare che le bisacce sfreghino contro la carrozzeria sono disponibili piccoli supporti cromati (e quindi OK per il look) da fissare facilmente al telaio.
I prezzi delle borse laterali in pelle sono piuttosto elevati. Ci si può arrangiare anche con un po' di fantasia. Chi è un po' sulle spese può ovviare al problema carico in modo poco dispendioso. Utilizzando dei supporti rigidi si possono montare due zainetti militari comprati a qualche mercatino delle pulci, non sono impermeabili ma con un paio di sacchi neri della spazzatura si può ovviare anche a questo. Come si dice, poca spesa tanta resa.

VANTAGGI  Look easy rider, capienza buona

SVANTAGGI non sono impermeabili, si rovinano con la pioggia


IL BORSONE

Torniamo al portapacchi, dove si può anche legare con gli elastici una borsona morbida. Vanno benissimo quelle sportive da palestra o da tennis, ma se proprio se ne vuole comprare una specifica da moto esistono anche quelle! Allora è preferibile che sia a tenuta stagna (o fornita di cappuccio estraibile in caso di pioggia) e dotata di più scomparti.
Un'ottima alternativa, che sta prendendo piede anche da noi, è data da quei "salsiccioni acquastop" impermeabili che usano i tedeschi. Si trovano negli store per campeggio, sono disponibili persino con le cinghie integrate, per fissarli al portapacchi in un attimo. Per i duri e puri che di portapacchi non ne vogliono sapere (e quindi neanche di passeggeri) lo spazio del "secondo" diventa un ottimo piano di carico. Un ragno e un elastico fisseranno senza problemi uno zainetto, un borsone o il solito salsiccione crucco. Per i più raffinati esistono anche le borse da sedile posteriore, dotate di attacchi rapidi e di una forma adeguata. I modelli più lussuosi permettono oltretutto di fissare una coppia di borse laterali al borsone stesso, creando così una struttura a U rovesciata molto pratica. Anche qui è fondamentale un cappuccio antipioggia.

VANTAGGI Capacità di carico elevata, costo limitato

SVANTAGGI Impermeabilità non perfetta, richiede un fissaggio con ragno, asportabile facilmente in caso di furto.


BORSA DA SERBATOIO

Un elemento di fondamentale importanza: la borsa da serbatoio, grande amica dei mototuristi di lungo corso. C'è solo l'imbarazzo della scelta, a partire dal sistema di fissaggio. Le più pratiche sono senza dubbio quelle magnetiche. Si mettono e tolgono in un attimo (ma vale anche per i ladri), quindi sono di una comodità inaudita quando bisogna fare il pieno. Se il serbatoio è di plastica l'avventura si fa più complicata: si può scegliere tra i modelli a ventosa, a cinghie (che di solito fanno diventare matti a ogni pit stop dal benzinaio) o con la base semirigida che rimane poi solidale al serbatoio. Su questa ci deve essere un buco per il tappo della benzina. Le ultime tendenze (e guarda caso è la soluzione migliore) vogliono dei piccoli attacchi dedicati per ogni modello di moto. Questi si fissano vicino al cannotto di sterzo e appena sotto la sella, nella zona del cosiddetto "parapalle". Una zip e la borsa da serbatoio si monta e smonta in pochi attimi.


GRANDI E PICCINE

Oltre che per il sistema di fissaggio, le borse da serbatoio si dividono in due grandi categorie per le dimensioni: quelle grandi e grosse per le moto stradali, quelle piccole e dalle forme appuntite per le enduro.
Le prime sono quasi sempre due piani, con quello superiore staccabile o retrattile con un soffietto. Sono ottime e permettono di caricare tantissima roba. Quelle da enduro vanno viste un po' come spazio per gli oggetti di prima necessità. Per entrambe è ormai d'obbligo il portacartina trasparente (meglio se staccabile) e il cappuccio impermeabile. Diffidate delle borse senza cappuccio ma garantite a tenuta stagna, perché dalle cerniere l'acqua passa sempre, come del resto di quelle in pelle, che alla lunga si dilaniano. Quelle in materiali tipo Nylon o Cordura invece sono eterne. Statene certi, si romperanno prima le cerniere. Un paio di taschine per i piccoli oggetti faranno solo piacere, come del resto due cinghiette per trasformare la borsa in zainetto.

VANTAGGI praticamente necessarie per i piccoli oggetti, ottima distribuzione dei pesi.

SVANTAGGI non sono dotate di serratura, quelle magnetiche soffrono il vento laterale, il serbatoio deve essere conformato correttamente

ZAINETTO SÌ MA NON IN SPALLA

Un ultimo sguardo agli zainetti da legare allo schienalino di custom & cruiser. Ovviamente va benissimo anche uno zaino comune da scuola, ma quelli appositi hanno due caratteristiche vantaggiose: una tasca dove infilare proprio lo schienalino, oltre al solito, indispensabile, cappuccio antipioggia estraibile.