Autore:
Stefano Cordara


FIGLIA DELLA BIRRA
Certe sere forse sarebbe meglio andare al pub. Perché quando gli inglesi stanno a casa finisce che fanno di peggio, e sfogano la loro "creatività" in modo bizzarro. E' accaduto probabilmente così anche a Nick Argyle, un 44enne ingegnere d'Oltremanica, a cui è venuto in mente di realizzarsi una moto nel garage di casa. E fin qui niente di male, non sarà né il primo né l'ultimo.

A LUI PIACCIONO GRANDI Il tipo è un recidivo perché prima di questa motoretta aveva realizzato, sempre in garage, un monster truck (quei cosi con ruote enormi che schiacciano le macchine e che negli States vanno per la maggiore). La passione per il monster truck era invero un po' ingombrante per cui una volta venduto il telaio, al buon Nick è avanzato il motore: un V8 da 8200 cc capace di una potenza variabile da 1020 a 1.300 cv (coppia 1355 Nm!) a seconda del carburante e da quanto si pompi il compressore volumetrico.


CUORE FORTE
Un motore decisamente leggero e slanciato per una motocicletta, soprattutto per i piccoli radiatori posti lateralmente a raffreddarne i bollenti spiriti. La moto gli è venuta un pelo lunga, sicuramente comoda e parca nei consumi, e soprattutto omologata Euro 3. Anche perché la Monster Booze rinuncia volentieri alla benzina accontenandosi di sorseggiare alcool puro. Altrimenti che inglese sarebbe?.

DAL VIVO A LONDRA Roba da fare impallidire la Boss Hoss con il suo misero motore Chevrolet. Il problema casomai è l'autonomia, visto che per fare 100 km occorrono 70 litri. Se tutto questo vi pare impossibile, non avete che da andare al London motorcycle Show ( www.londonmotorcycleshow.com   ) e vederla dal vivo. Li la Rapom V8 sarà presentata in anteprima il primo di febbraio.


TAGS: rapom v8 l'esagerata