Digg Facebook Twitter Feedburner

Patentino: non si passa

ANCORA UNA VOLTA NO! Il Ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi non cede di un passo sulla decisione di non concedere una proroga sull'entrata in vigore del cosiddetto "patentino" per i minorenni che rimane inderogabilmente per il 1° luglio. "'Sono contrario assolutamente" -dice Lunardi- "Non si rendono conto del danno che provocherebbero ai ragazzi. Non e' morale che le leggi non vengano rispettate. Una proroga vorrebbe dire che le leggi possono non essere rispettate. E' un atteggiamento di permissivismo antieducativo per i giovani."

CAOS TOTALE Così ancora una volta è il caos a prevalere nel nostro Bel Paese. Ed era prevedibile: il 1° luglio è alle porte, di minorenni patentati giusto l'ombra e il Ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi che non ne vuole proprio sapere di prorogare la scadenza. E non a torto, visto che la legge che ha portato l'introduzione della patente per il minorenne ha data 30 giugno 2003, che fa tutto un anno per mettersi in regola. Ma come al solito tutto va a rilento, i corsi gratuiti nelle scuole hanno faticato a partire per mancanza di fondi (non tutti gli istituti di media-superiore hanno i soldi da anticipare) e per scarsa organizzazione, mentre qualche scuola guida se ne approfittata alzando i prezzi dei propri corsi anche oltre i 200 Euro.

IMPOSIZIONE DOVUTA Resta il fatto che far digerire l'ulteriore regolamentazione a tutti i ragazzi compresi tra i 14 e i 18 anni non è un compito semplice. Il patentino viene visto come una imposizione (e lo è), ma soprattutto come una lesione della propria libertà, esattamente come l'obbligo del casco.

FATE IL CORSO Inoltre, per il patentino bisogna obbligatoriamente seguire il corso di guida per sostenere l'esame (chissà perché solo teorico e non anche pratico visto che comunque dovranno circolare su strada) e quindi studiare. Una parola che ai nostri giovani fa venire subito l'orticaria visto che una ricerca condotta dall'Unione Europea ha messo l'Italia al terz'ultimo posto tra i Paesi della UE per il numero di studenti che concludono gli studi di media-superiore, con un bel 44% di diplomati, che fa 4 su 10.

I MALAVOGLIA Un problema che conoscono bene gli istruttori dei corsi gratuiti, che si devono confrontare ogni giorno con studenti, non stupidi, ma svogliati e non avvezzi a fermarsi a ragionare sulle domande dei quiz per la patente. Senza contare che i ragazzi sono convinti di sapere già tutto quel che serve per poter girare con il proprio motorino.

PECCATO DI PRESUNZIONE E insegnare a chi "già sa" è cosa difficile, i minorenni sono permalosi, si sa, eppure è un dato di fatto che i nostri giovanissimi guidano senza alcuna cognizione di causa, senza aver alcuna idea di cosa voglia indicare questo o quel cartello; senza aver alcuna idea di quale differenza passi tra una precedenza e uno stop, né alcun rispetto delle più ovvie regole di comportamento civile su strada.

PESSIMO ESEMPIO E come dargli torto: basta girare solo dieci minuti per le strade di una grande città per vedere un numero indecoroso di infrazioni stradali, non solo di teen-ager, ma soprattutto da parte di adulti che una volta abbandonata l'auto si credono liberi di fare e disfare a proprio piacimento. Sorpassi a destra, precedenze e stop non rispettati, marciapiedi sovraffollati e peggio ancora usati come "corsie preferenziali".

MANCANO LE BASI Un gran bell'esempio per i più giovani che agli esami si ritrovano a sbagliare non solo i cartelli (che sono solo da studiare) ma anche le domande più semplici sui comportamenti da tenere in strada. Alla base di tutto questo una mancanza di senso civico e rispetto che a scuola si dovrebbe tornare ad insegnare dato che in strada difficilmente si possono imparare. Comunque resta il fatto che il 1° luglio è ormai alle porte e qualunque sia stata la colpa e di chi, le cifre che sono state dichiarate sul numero di patentini rilasciati finora non sono di alcun conforto.

NUMERI DA CAPOGIRO La FMI (Federazione Motociclisti Italiani) parla di ben un milione di ciclomotori che girano per strada in mano a minorenni e di questi 720 mila hanno fatto richiesta di poter partecipare ai corsi gratuiti nelle scuole pubbliche e private-paritarie. Un numero ragguardevole di minorenni volenterosi di mettersi in regola (la parola "gratis" funziona sempre) ma che solo 600 mila di loro ha potuto partecipare ai corsi, non solo per svogliatezza (molti non hanno fatto nemmeno richiesta), ma soprattutto per ritardi organizzativi da parte delle scuole che oltretutto non si sono visti arrivare i fondi tanto promessi dal Tesoro (il 7,5% delle multe fatte da Polizia e Carabinieri, ma non dai Vigili Urbani, ormai tra le prime

voci "entrate" nei bilanci dei Comuni italiani) e quindi anticipati da chi ne aveva.

SOLO PER POCHI Ma il dato allarmante è che di questi 600 mila, solo 230 mila lo hanno sostenuto fino in fondo, con una drammatica falcidiazione che nemmeno la "morte strisciante" della Bibbia: solo 160mila promossi e ben 70mila bocciati. A conti fatti 1 su 4 oggi ha il patentino, gli altri tre dovranno tenere in box l'amato motorino rischio 2 mesi di sequestro e una multicina di soli 516 Euro. Un problema da non sottovalutare per i genitori che (facciamo le corna) in caso di incidente da parte del figlio minorenne privo di patente, si vedrebbero accollati le spese di risarcimento danni anticipati dall'assicurazione, insieme alla possibile denuncia per "incauto affidamento del motoveicolo". Una gran bella stangata nemmeno tanto facile da evitare se non con una preventiva

"carcerazione" forzata dei propri figli.

MOBILITAZIONE TOTALE Un problema, questo dei non patentati, che sta preoccupando anche i corpi di polizia che per voce della ASAPS, l'Associazione Sostenitori e Amici della Polizia Stradale (così come la SULPM, Sindacato dei lavoratori della Polizia Municipale e Provinciale), hanno dichiarato di preferire una proroga sull'entrata in vigore dell'obbligatorietà del patentino proprio per evitare inseguimenti ai non patentati in fuga.

(R)ASSICURAZIONE Un problema che ha toccato anche le assicurazioni che in una notizia dell'ANSA del 25 giugno 2004, si è appreso che, raccogliendo l'appello delle associazioni di rappresentanza dei consumatori, le assicurazioni dei gruppi RAS, Genialloyd, Allianz Subalpina hanno dichiarato di "rinunciare alla possibilità di rivalsa per incidenti stradali con ciclomotori e minorenni privi di patentino dopo il primo luglio fino al 31 ottobre prossimo.". Una buona notizia che fa tirare un sospiro di sollievo a tutte le famiglie interessate e che dà il tempo necessario perché i ragazzi rimasti indietro riescano a guadagnarsi il magico "lasciapassare".

COSTI QUEL CHE COSTI E' vero anche che per chi avesse fretta di promuoversi a "patentato" per non farsi l'estate a piedi o in bici (alla riapertura delle scuole a settembre verranno ripresi anche i corsi e gli esami per la patente) rimane sempre l'alternativa scuola guida "privata". Ovviamente non a gratis. L'UNASCA, l'Unione Nazionale Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica, ha comunque chiesto ai suoi associati di mantenere i prezzi sui 120-150 Euro a seconda di partecipanti, ma se a sentire in giro sembra che qualcuno abbia voluto anche marciarci un po' su, arrivando a chiedere oltre 200 Euro.

PREZZO "CONSIGLIATO" Propizia la dichiarazione dello stesso Ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi che ha "imposto" un prezzo "politico" non superiore ai 110 Euro, ammonendo chi volesse speculare sulla

impossibilità per i giovani di usufruire dei corsi pubblici per colpe non proprie.

SENZA SCAMPO Da luglio 2005 poi scatterà anche l'obbligo per tutti i maggiorenni privi di alcuna patente. Un colpo basso per tutti gli adulti che per decenni hanno guidato la propria "Ape" senza alcun certificato di idoneità e che per il prossimo anno si vedranno obbligati a tornare sui "banchi" di scuola per poter passare l'esame della patente.

ATTACCATI AL TRAM Una disposizione che in modo indiretto colpirà tutti, anche chi già patentato risolve oggi il problema mobilità con lo scooterino nel caso in cui gli venga sospesa o ritirata la patente per mancanza di punti. Insomma, se non volete rimanere a piedi, non vi resta che andare in bicicletta, farvi il patentino o attaccarvi al Tram (che usato tutti i giorni non costa nemmeno così poco).

Scarica i quiz dal sito della Polizia stradale (file zip, 1,2 Mb)

Scarica la domanda da presentare alla Motorizzazione

 

FAQ Per togliervi qualsiasi altro dubbio sui corsi qui sotto vi riportiamo una sequenza di "domande frequenti" ricavate dal sito ufficiale del Ministero dell'Istruzione.

1- Devo pagare per poter frequentare un corso organizzato dalla mia scuola?
No. I corsi sono organizzati gratuitamente all'interno della scuola, nell'ambito dell'autonomia scolastica.

2- Le scuole paritarie organizzano i corsi per "il Patentino"?
Sì. Tutte le Istituzioni Scolastiche, pubbliche e private, organizzano, su richiesta delle famiglie, i corsi per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida del ciclomotore.

3- Chi può fare domanda per frequentare i corsi?
Tutte le studentesse e gli studenti, che abbiano compiuto i 14 anni e siano minori di 18 anni. Essendo minorenni, la domanda deve essere firmata dal genitore del minore, o da chi ne va le veci.

4- Se ho tredici anni, posso partecipare ai corsi?
Sì, solo se si compiono i quattordici anni nel corso del corrente anno scolastico.

5- Quanto durano i corsi organizzati dalle scuole?
Nelle scuole pubbliche come le private paritarie i corsi di "scuola guida" durano 20 ore, 12 fuori orario lezioni e 8 di mattina nell'orario lezioni.

6- In cosa consistono le lezioni a scuola?
Nelle 8 ore di lezione vengono date lezioni sulla convivenza civile (quella che una volta era "educazione civica", ora neanche più contemplata nel piano di lezioni). Le altre 12 ore sono così suddivise: 6 ore di segnaletica e norme di circolazione; 4 norme di comportamento; 2 educazione al rispetto della legge.

7- Quando terminano i corsi sostenuti dalla scuola?
I corsi gratuiti tenuti nelle scuole superiori terminano con la chiusura delle stesse e riprenderanno con l'apertura del nuovo anno scolastico.

8- Quanto durano i corsi sostenuti dalle scuola guida private?
I corsi privati durano solo 12 ore dove vengono insegnate la segnaletica, le norme di circolazione e le norme di comportamento.

9- Quanto costano i corsi sostenuti dalle scuola guida private?
Non c'è un prezzo fisso, anche se il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti consiglia caldamente di non far spendere alle famiglie più di 110 Euro.

10- A chi deve essere presentata la domanda per poter frequentare i corsi?
Ai corsi si accede mediante domanda indirizzata al Dirigente Scolastico, nei termini di tempo stabiliti dalla singola Istituzione Scolastica.

11- Per accedere agli esami devo per forza frequentare il corso?
Sì. La frequenza ai corsi è obbligatoria e con oltre 3 ore di assenza alle lezioni non si è ammessi a sostenere l'esame.

12- Il "patentino" è valido anche per la guida dei ciclomotori con cilindrata superiore ai 50 cc.?
No, il "Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore" ha validità solo per la guida di ciclomotori di cilindrata fino a 50 cc..

13- Se posso frequentare il corso pur non avendo ancora compiuto i 14 anni, posso anche sostenere l'esame e conseguire il patentino?
No, per poter presentare la domanda di ammissione all'esame bisogna aver compiuto i 14 anni.

14- Come si documenta la frequenza al corso e il termine dello stesso?
Con l'attestato di frequenza che viene rilasciato a fine corso firmato dall'operatore responsabile del corso.

15- Se il minorenne circola senza il "certificato di idoneità alla guida", cosa rischia?
Una multa di 516 Euro insieme al sequestro della durata di due mesi del ciclomotore.

16- Cosa potrebbe succedere in caso di incidente con minorenne privo del certificato di idoneità alla guida del cinquantino?
Inoltre, in caso di incidente l'assicurazione potrebbe rivalersi sulla famiglia per il risarcimento del danno, mentre i genitori potrebbero anche ricevere denuncia per "incauto affidamento di motoveicolo".

17- Come ci si comporterà con i conducenti non residenti in Italia alla guida di ciclomotori?
I conducenti di ciclomotori in circolazione internazionale possono condurre il ciclomotore sul territorio italiano senza obbligo di certificato, ai sensi della Convenzione di Vienna del 1968.

18- Dopo quanto tempo si può ripetere l'esame in caso di esito negativo?
Non è previsto nessun periodo di intervallo; bisogna comunque sostenere l'esame entro un anno dalla fine del corso frequentato.

19- I quiz contengono una domanda per ogni argomento o sono completamente casuali?
Il database contenente le domande dei quiz è suddiviso in 10 capitoli (vedi sul sito) e la formazione di ogni scheda viene fatta scegliendo a caso una domanda per ognuno di questi capitoli.

20- A nome di chi va fatto il versamento necessario per la partecipazione all'esame?
Il versamento deve essere effettuato a nome di colui che ha frequentato il corso e deve sostenere l'esame, cioè il minorenne.

Autore: Alfredo Verdicchio
Data: 25/06/2004 19:03:31

125cc se una persona ha il patentino, a 16 anni può guidare mezzi di cilindrata 125cc ? Inviato da: nicolas di marco - 14/09/2007 21:03:42
Salve, siamo due patentinati e volevamo sapere se dopo aver conseguito l'esame del patentino, questo avrà validità come esame di teoria per la patente. Ciao a tutti!!! Inviato da: marco e federico - 20/08/2004 18:56:14
salve!ho 17 anni e nn ho il patentino!ho fatto un incidente nn essendo stato io a causarlo;come funziona con le assicurazioni? Inviato da: cristian - 13/08/2004 15:52:39
Salve a tutti..Volevo porvi una semplice domanda..Io ho 17 anni e ho sostenuto l'esame per il patentino del ciclomotore da un mese, e ho passato quest'ultimo con successo, riportando il risultato di nemmeno un errore. Ora, dato che ho sentito da voci di corridoio che chi superasse l'esame senza alcun errore avrebbe ottenuto un buono sconto di 250euro per la patente della macchina, volevo conoscere la veridicità di questa informazione.. Grazie mille per il vostro aiuto.. Elena Inviato da: elena - 02/08/2004 12:37:59
Ho compiuto 18 anni il 6 Luglio, devo avere il patentino per poter guidare il motorino? Inviato da: MrWhy - 09/07/2004 02:00:55
per i bocciati cosa si può fare per portare il motorino? Inviato da: vespa50 - 05/07/2004 13:34:01
Io non sono proprio del vostro parere ma il patentino per me non serve a niente o quasi, per me si dovevano fare dei corsi senza sostenere esami! E poi non è vero che il patentino preso a scuola è gratis costa e come se costa Inviato da: vespa50 - 02/07/2004 23:15:08
I maggiorenni senza patente e senza patentino possono guidare un ciclomotore? Inviato da: Pietro - 01/07/2004 19:19:04
non è vero che i corsi a scuola sono gratis, costano 30 € questa legge crea troppi disagi e non ha assolutamente senso per chi ha 17 anni com me e lo deve fare lo stesso!ha senso per chi ha appena compiuto i 14 anni!mi sembra un'ingiustizia! Inviato da: gloria - 01/07/2004 15:02:53
Un chiarimento per mio fratello che ha compiuto 18 anni il 29 giugno 2004: fino a luglio 2005 può circolare senza il patentino? Inviato da: Quadar - 01/07/2004 14:34:24
Totale pagine 2 | Pagina: 1

Vedi anche

Cinquantini: più tasse per tutti
Il 1° luglio rivoluzione per tutti i "cinquantini" a due e ...

Home | Prove su strada

Honda Gold Wing F6BHonda Gold Wing F6B
La baggerona a luci rosse Gold Wing F6B in giro per la città
BMW S 1000 RR 2015BMW S 1000 RR 2015
Ancora più potente, ancora più hi-tech: è la BMW S 1000 RR 2015
Yamaha MT-07, la prova in stradaYamaha MT-07, la prova in strada
Come si guida la Yamaha MT-07 kittata?
Pneumatici Michelin Pilot Power 3Pneumatici Michelin Pilot Power 3
Cambio gomme per la "mia" Yamaha MT-07: ora ci sono le Pilot ...
Honda CBR1000RR Fireblade SPHonda CBR1000RR Fireblade SP
CBR all'ennesima potenza

Home | Magazine

Yamaha TDM 2015: una foto in reteYamaha TDM 2015: una foto in rete
Sfugge negli USA la prima foto della Yamaha TDM 2015
Yamaha WR250F 2015Yamaha WR250F 2015
La Yamaha WR250F 2015 è la prima enduro con cilindro... ...
Yamaha YZF-R3Yamaha YZF-R3
La Yamaha YZF-R3 arriverà su strada nella primavera del 2015
Kawasaki Vulcan SKawasaki Vulcan S
Arriva a EICMA la Kawasaki Vulcan S
Ducati Testastretta DVTDucati Testastretta DVT
DVT = Desmodromic Variable Timing
2016 Alfa Romeo Giulia Study2016 Alfa Romeo Giulia Study
Takes on Classic Styling Cues
Ads with breasts cause 517 accidents in a dayAds with breasts cause 517 ...
An advertising company from Russia slapped ads containing breasts. ...
Nostalgic Attack: A 20B Turbo S30ZNostalgic Attack: A 20B Turbo S30Z
Time attack is by nature, a simple yet extremely focused form...
Triumph Scrambler by Tamarit S.M.Triumph Scrambler by Tamarit S.M.
This Triumph Scrambler by Tamarit Spanish Motorcycles is one of... ...
KTM electric scooterKTM electric scooter
Project scrapped
Pure KlassePure Klasse
Diamond Atelier's BMW R80
American Motorsport HeroesAmerican Motorsport Heroes
At the Penske Racing Museum
Top 5 Cafe Racers on eBay This WeekTop 5 Cafe Racers on eBay This Week
There's a broad assortment of unusual cafe racers on eBay this ...
Ferrari F430 SpiderFerrari F430 Spider
Used as delivery vehicle in Melbourne
The Ronin 47The Ronin 47
If Batman rode a Buell 1125
Prepare for blast offPrepare for blast off
A Savage Sagaris
Spa six hours 2014Spa six hours 2014
All the Photos and Everything You Need to Know
Cafe Racers – The CollectionCafe Racers – The Collection
Everything in the Collections is currently for sale on eBay
MotorBuzz