Autore:
Danilo Chissalè

C’E’ VITA Nonostante la crisi, l’Italia fuori dai mondiali di calcio, l’ennesimo anno senza titolo MotoGp, la dieta che non fa effetto, il motociclista italiano ha ancora voglia di due ruote. A confermarlo è il bilancio delle immatricolazioni dell’anno 2017 redatto da Confindustria e ANCMA. L’anno appena trascorso ha registrato un incremento del 5,1% di immatricolazioni, con le moto che fanno da traino con un +8,5% seguiti dagli scooter con +3,4% e a seguire i cinquantini con un incremento del 2,1%.

DICEMBRE NERO Se il dato annuale è stato positivo, non si può dire lo stesso di quello inerente al mese di dicembre, è stato infatti registrato un calo delle immatricolazioni del 45%. Questo dato però non deve spaventare, in quanto ampiamente previsto, e generato da un dicembre 2016 drogato dal cambio delle normative anti-inquinamento.

SOLITI NOTI I capolista, manco a dirlo, sono sempre gli stessi, ovviamente parlo di BMW R1200 GS per le moto e Honda SH per gli scooter, che monopolizza il podio di categoria con le tre ciclindrate. E gli altri? Seguono. Nelle moto il podio viene completato dalla Honda Africa Twin, che rosicchia terreno, e la crossover sempre a marchio Honda NC 750 X, negli scooter la medaglia di legno va al Piaggio Beverly 300.

BISOGNO D’ARIA La situazione dei segmenti conferma il successo delle naked con 30.973 moto e un incremento pari al +15,9%. Seguono le enduro stradali con 26.402 veicoli e una crescita pari al +3,4%. Al terzo posto troviamo le moto da turismo con 11.505 unità e un +13,2%, poi arrivano le custom con 5.346 pezzi e un +0,9%; le sportive mostrano una discreta ripresa con 4.314 immatricolazioni e un incremento del +9,1%, infine si registra il calo delle supermotard che con 2.943 pezzi scontano un -4,4%.

IN MEDIO STAT VIRTUS L’approfondimento per le moto evidenzia la cilindrata da 800 a 1.000cc che totalizza i maggiori volumi con 24.682 pezzi pari al +12,2%, spodestando le oltre 1000cc che crescono un po’ meno +7%. Buon andamento anche per le cilindrate tra 650-750cc che con 14.455 moto registrano un +14,4%. Perdono volumi le cilindrate tra 300 e 600cc con 10.381 pezzi e un -3,9%. Più sensibile il calo delle 150-250cc con 2.395 vendite e un -19,4%. Al contrario le 125cc registrano la migliore performance raggiungendo 8.303 moto e una crescita pari al +22,4%, dimostrando che i giovani non hanno perso la passione per le due ruote.

VERSATILI L’analisi per cilindrata negli scooter conferma la leadership del segmento tra 300 e 500cc con i maggiori volumi pari a 42.556 pezzi e un incremento pari al +17,3%, la leadership di questo segmento è data dalla voglia di un mezzo versatile, in grado di affrontare sia la città sia una piccola gita fuori porta. Al secondo posto troviamo la categoria dei 125cc con 42.037 unità e un -4,8%; in calo i 150-250cc con 25.755 immatricolazioni pari al -11,7%. Ottimo risultato per i maxiscooter oltre 500cc che con 11.583 veicoli segnano una crescita record pari al +40,1%.


TAGS: honda africa twin honda sh 150 yamaha t-max vendite moto 2017 vendite scooter 2017 dati ancma 2017 moto più venduta scooter più venduto bmw r 1200gs honda sh 300 immatricolazioni 2017