Prova
Dunlop SportSmart

Dunlop SportSmart

La famiglia delle gomme "Smart" di Dunlop si allarga. Dopo l'apprezzato stradale arriva un nuovo prodotto supersportivo che promette di essere la quadratura del cerchio. Lo abbiamo già provato e abbiamo scoperto che...
19 0
Autore:
Stefano Cordara

BASTA LA PAROLA Che fortuna gli inglesi… hanno sempre una parola perfetta per spiegare ogni cosa. Prendiamo la parola "Smart", in italiano non trova praticamente una traduzione logica. In teoria significa "furbo" (nel senso migliore del termine), intelligente. Riferito a una persona è quel qualcuno che ha una marcia in più che è più "sveglio" degli altri. E riferito agli pneumatici? Beh, Dunlop che il pneumatico si vanta di averlo inventato, l'ha applicata alla sua nuova gamma stradale convinta che la serie "Smart" abbia veramente una marcia in più. L'esordio è arrivato con la Roadsmart, che si è guadagnata gli elogi in tutto il mondo per la sua eccellente resa sul bagnato; adesso però la posta in gioco si alza con lo SportSmart, nome che spiega piuttosto chiaramente che in questo caso stiamo entrando in un campo complicato, quello degli pneumatici sportivi stradali ad alte prestazioni.

QUANTO SMART SEI? Può quindi un pneumatico supersportivo essere anche così "smart" da funzionare egregiamente sul bagnato e da offrire una resa chilometrica pari a uno stradale puro? Gli obbiettivi che gli uomini Dunlop si sono posti per il loro prodotto erano piuttosto ambiziosi: offrire una resa in pista pari all'ottimo Qualifier RR (che di fatto lo SportSmart va a rimpiazzare) ma anche un tempo di warm up e un grip sul bagnato pari a quello del RoadSmart.

 

OBBIETTIVI AMBIZIOSI Ci sono riusciti? Secondo loro sì, e ci sono riusciti dando fondo a quanto di meglio Dunlop ha offerto in questi anni a livello di tecnologia "meccanica" (quella della carcassa) e chimica (per mescole e compagnia). Non a caso lo SportSmart è il primo prodotto stradale Dunlop che utilizza la tecnologia NTEC, sperimentata prima sugli slick della GP 250, poi nel Mondiale Endurance e, a cascata, sulle D211GP, le D211 Gp Racer e ora sulle SportSmart. Di fatto gli pneumatici che utilizzano la tecnologia NTEC sfruttano due tele supplementari incrociate per assicurare una grande rigidezza meccanica della carcassa, consentendo quindi di scendere moltissimo con le pressioni di gonfiaggio nell'utilizzo estremo.

 

BASSA PRESSIONE I prodotti racing di Dunlop sono, infatti, ormai famosi per poter essere utilizzati a pressioni estremamente basse (per fare un esempio, durante le gare di Endurance il nostro posteriore viaggiava a 1.4 bar a caldo…). L'applicazione di questa tecnologia su un prodotto stradale, anche se sportivo, significa poter avere più possibilità di utilizzo. In Dunlop assicurano, infatti, che lo SportSmart può funzionare senza problemi sia a pressioni stradali (le classiche 2.5/2.5) sia a pressioni "pistaiole" (1.9/2.1) senza soffrire problemi di "deriva" di scarso sostegno o maneggevolezza limitata, dovuti a carcasse cedevoli e sottogonfiate.

 

BIMESCOLA Altra tecnologia utilizzata (ma questa ormai non è più una novità per Dunlop) è quella bimescola con la zona centrale del posteriore caratterizzata da una mescola denominata "traction compound", che dovrebbe assicurare anche una durata superiore alla media. La mescola dura si "infila" anche sotto quella morbida ai lati riducendo quindi al minimo i problemi di discontinuità. La zona centrale è in ogni caso piuttosto stretta di modo che all'inclinazione di circa 30% (tipica della guida sul bagnato) la gomma sta già lavorando completamente nella zona della mescola "morbida".

 

MESCOLA ECLETTICA Il disegno del battistrada ricorda molto da vicino quello racing del D211, con qualche intaglio in più (oltrettutto gli intagli hanno sia la sezione sia la profondità variabili) per assicurare il giusto grip sul bagnato ottenuto anche attraverso nuove mescole che, alla fine, hanno portato a risultati che durante lo sviluppo hanno sorpreso perfino gli stessi tester Dunlop (e anche noi come vedremo). Insomma in Dunlop sono convinti di aver ottenuto la quadratura del cerchio. Sarà proprio così? Siamo andati a Mireval per verificarlo di persona.

 

 

COME VA Freddo. Così freddo che hai solo voglia di startene sotto le coperte. A Mireval (che si affaccia sul mediterraneo nel sud della Francia), di solito, il clima è piuttosto clemente ma quando atterriamo all'aeroporto di Montpellier e scopriamo che ai lati della pista c'è la neve capiamo che non sarà proprio una passeggiata. Infatti, per i due giorni successivi ci troviamo a dover fare i conti con un clima che ha più dell'artico che del mediterraneo. Non piove, ma il sole metallico sembra aver freddo anche lui, sferzato com'è da un vento gelido.

 

CLIMA ARTICO Buon per me che ho buttato un occhio al sito delle previsioni che annunciava allarmato una temperatura percepita di -6°! Così giusto prima di partire ho fatto a tempo a rimpiazzare il giubbotto forato estivo con la giacca invernale. Altrimenti, francamente, non so se in questo momento sarei potuto essere qui a scrivere. Detto questo eccoci immersi per la seconda volta in un anno (l'anno scorso provammo i Qualifier II) nel ruolo dei tester Dunlop per una prova molto completa che, al solito, coinvolge non solo l'ultimo prodotto Dunlop, ma anche alcuni dei competitor diretti.

PRIMA SU STRADA La prima prova consiste in 145 km di statale in sella a una Yamaha R1, curiosamente per questa prova non abbiamo a disposizione il solito bouquet di moto ma per la prova stradale guideremo solo Yamaha R1 (in versione francese 100 cv), mentre in pista saranno le Suzuki GSX-R 1000 K9 (in versione full power) a farci da damigelle. Durante la prova su strada, mentre tentiamo di non congelare, lo SportSmart ci fa capire subito di che pasta è fatto.

 

RIGIDA Che sia un pneumatico ipersportivo si capisce immediatamente. Lo SportSmart è rigido di carcassa e non è un mostro di comfort rimandando intatte al pilota tutte le microasperità dell'asfalto, una caratteristica che appartiene spesso ai prodotti Dunlop ma che qui appare più evidente, per esempio rispetto al Qualifier II che è decisamente più confortevole (motivo per cui questi due prodotti, sovrapposti in parte, possono invece coesistere).

 

BEL FEELING Di piacevole c'è il feeling trasmesso, le temperature sono estreme, ma gli SportSmart mostrano di essere sempre ben attaccati all'asfalto. Non c'è mai quella sensazione di aderenza precaria che si ha con prodotti molto sportivi quando le temperature scendono sotto i valori ottimali. Un punto a favore per una gomma che vuole essere anche molto performante in pista e che intanto inizia con il mostrarsi molto eclettica. Di positivo trovo anche i profili, molto omogenei tra loro e apparentemente meno "spigolosi" che sui Qualifier RR, la moto si guida in modo "rotondo", sempre rassicurante, e dall'avantreno si riceve sempre un buon feedback. Insomma ci si fida, anche se l'asfalto è gelato.

 

PISTA SENZA SORPRESE In pista, gli SportSmart non hanno rappresentato una sorpresa, soprattutto per chi già conosce l'eccellente rendimento dei Qualifier RR. Messi a confronto con due competitor i nuovi Dunlop hanno dimostrato un grip ottimo al posteriore (perdite di aderenza minime e sempre "telefonate") e il solito ottimo anteriore che offre un sostegno esagerato quando si forza l'ingresso in curva oltre il normale. Una caratteristica questa, tipica dei prodotti Dunlop che va di pari passo con le carcasse piuttosto rigide che, anche in pista, trasmettono parecchio le asperità dell'asfalto. 

 

OMOGENEA Anche in pista si nota il profilo più tondo del solito, c'è forse meno velocità nello scendere alla corda rispetto a un Qualifier RR , in compenso c'è maggior rapidità nei cambi di direzione, una manovra generalmente più fluida che in precedenza. Fra i competitor solo uno ha dimostrato una maneggevolezza superiore agli SportSmart, a scapito però della precisione di guida e di una evidente sensazione di scarsa rigidezza della carcassa anteriore che si "muoveva" molto.

 

SUPER SUL BAGNATO Se in pista però era lecito attendersi un risultato almeno paragonabile a quello del Qualifier RR, è stato nel circuito bagnato (anzi allagato per dirla giusta) che lo SportSmart ha maggiormente sorpreso. Quello della tenuta sul bagnato è forse un problema secondario per i motociclisti italiani, abituati a guidare soprattutto con il bel tempo, ma è una motivazione all'acquisto incredibile per i motociclisti di tutto il nord Europa che con l'asfalto bagnato hanno a che fare praticamente di continuo. Bene, ho avuto il privilegio di poter guidare una moto su cui era installato un sistema di acquisizione dati della 2D del tutto paragonabile a quello delle MotoGP con cui ci è stato possibile confrontare i nostri dati dei 4 giri percorsi con ogni pneumatico.

 

TOCCATO CON MANO La sorpresa innanzitutto è stata nel notare come il mio tempo sul giro con lo SportSmart fosse parecchio più veloce di quelli ottenuti dai due competitor (fino a 10 secondi!) e soprattutto del tutto paragonabile al miglior giro che feci registrare oltre un anno fa (in condizioni meteo ben più vantaggiose) con il RoadSmart che, ricordo, è uno stradale turistico nato quindi per dare il meglio sul bagnato. In poche parole, con lo SportSmart si guida forte anche sul bagnato, si ha un feeling eccellente, il che si traduce inevitabilmente in una grande sicurezza. Quelle che si percepiscono sulla pista allagata di Mireval sono perdite di aderenza sempre molto controllabili (soprattutto rispetto ai competitor provati) ma che arrivano a velocità ben superiori. Insomma si capisce anche a occhio che si sta guidando più forte.

 

QUANTO DURA? Per capire se la quadratura del cerchio è davvero completa ci sarebbe giusto piaciuto poter provare questo prodotto su più modelli di moto con temperature più calde e, soprattutto, di verificarne anche la durata. Anche in questo caso in Dunlop si sentono però tranquilli. Un test compiuto da un ente terzo superpartes (la tedesca Dekra) ha dimostrato una longevità parecchio superiore ai concorrenti diretti, quasi paragonabile a quella del RoadSmart. Questo, però, noi non lo abbiamo potuto verificare di persona. Ma vi prometto che ci stiamo organizzando per farlo molto presto. L'argomento è troppo succulento per poter essere trascurato.

 

SCHEDA PRODOTTO

NOME: Dunlop SportSmart
TIPOLOGIA:
Pneumatico Hypersport Stradale
CARATTERISTICHE PECULIARI:
NTEC, Multimescola, JLB (Joint Less Belt)
ADATTO PER:
strada, track days
PRINCIPALI COMPETITOR:
Pirelli Diablo Rosso Corsa, Bridgestone BT 016, Michelin Power Pure, Metzeler Sportec M5
MISURE DISPONIBILI:
Ant: 120/60-17 120/60-17
Post: 160/60-17 180/55-17 190/50-17 190/55-17


TAGS: dunlop qualifier rr pirelli diablo rosso corsa

Pneumatici moto:
Pirelli Diablo Rosso II
Pirelli Diablo Rosso II

Il Pirelli Diablo Rosso giunge alla seconda generazione

5 0
Prova
Metzeler Sportec M5
Metzeler Sportec M5

La tecnologia Interact arriva anche sullo Sportec a completamento della gamma Metzeler.

22 0
Pneumatici:
Pirelli Diablo Rosso Corsa
Pirelli Diablo Rosso Corsa

La Casa della Pilunga aggiorna il suo pneumatico stradale più completo. Tre mescole, tecnologia racing e un disegno finalmente appagante per un utilizzo sportivo a 360°.

7 0
Back To Top