TANTI PEZZI A POCO PREZZO Che i costruttori giapponesi guardino con particolare attenzione ai mercati in via di sviluppo è ormai noto. India, Indonesia e Brasile stanno facendo numeri esagerati e, mentre l’Europa arranca, da quelle parti si combatte a botte da milioni di pezzi all’anno. I gusti (e le disponibilità economiche, anche se ancora per poco mi sa…) tuttavia sono molto differenti che dalle nostre parti, in India ad esempio una moto come la Yamaha R15 è giudicata quasi una superbike (fa sorridere qui pensando che ormai una settemmezzo è considerata un entry level) anche per il prezzo.

La nuova R15 costerà, infatti, in India più o meno l’equivalente di 1.700 € certo una bella differenza con i 4.000 e passa Euro della R125 venduta in Europa. E tra l’altro visto che anche gli Indiani sono diventati esigenti dal punto di vista del design, la R15 ha anche un suo perché esteticamente.

IL 250 PUO’ ATTENDERE L’arrivo della nuova versione della R15 comunque, sembrerebbe smentire le voci che volevano Yamaha impegnata nella costruzione di una 250 monocilindrica per entrare, anche in Europa nel segmento delle quarto di litro quattro tempi con un prodotto in grado di fare concorrenza a Kawasaki Ninja 250R e Honda CBR250R. La R15 è, infatti, stata ancora presentata con motore 4T da 150 cc da 17 cavalli e ovviamente non è previsto il suo arrivo in Europa.


TAGS: yamaha r15