Autore:
Andrea Rapelli

CAFE' RACER Che la Triumph Street Twin sia una moto piacevolissima da guidare non è un mistero. Naturale, quindi, che a Intermot 2016 i ragazzi di Hinckley ne abbiano portata una più pepata, in pieno stile café racer: la Triumph Street Cup. 

POSIZIONE AD HOC Chiariamo subito: il bicilindrico con manovellismo a 270° sviluppa gli stessi 55 cavalli della Street Twin, così come lo stesso valore di coppia (80 Nm a 3.200 giri). Cosa cambia, allora? Soprattutto la posizione di guida, influenzata dal manubrio più basso e un poco più avanti. Allo stesso modo, il pilota siede leggermente più alto (la sella qui è a 780 mm, 750 mm sulla Street Twin) e in posizione più arretrata.

PIU' AGILE Mica finita: per avere più agilità in ingresso curva i tecnici hanno alzato la moto al posteriore, con sospensioni specifiche. Che però conservano la stessa corsa degli ammortizzatori della Street Twin, pari a 120 mm. Infine, per una frenata dal sapore più corsaiolo, ecco arrivare la nuova pinza flottante Nissin a due pistoncini, che morde un disco da 310 mm.

STILE BRITISH Naturalmente, anche lo stile è stato aggiornato: la Triumph Street Cup diventa una café racer in piena regola grazie al piccolo cupolino, al fanale forgiato simile a quello della sorellona Thruxton R (così come strumentazione a doppio elemento e pedane), agli specchi alle estremità del manubrio, alla sella a proiettile con rivestimento superiore in alcantara e al coprisella a goccia facilmente rimovibile. Diversi i particolari rifiniti a mano, come i filetti applicati sul serbatoio, le strisce sui cerchi e i fregi sul motore. 

DUE COLORI Avanti con la tavolozza colori: la Triumph Street Cup è disponibile in Racing Yellow-Silver Ice (con filetti Jet Black e strisce cerchi in giallo) oppure nell'accoppiata Jet Black-Silver Ice, con filetti e strisce cerchi color oro. Non mancano, inoltre, più di 120 accessori per ritagliarsi la propria Cup su misura. 

ANCHE DEPOTENZIATA L'ultima buona notizia è riservata ai giovani motociclisti, perché da fine primavera 2017 anche chi ha la patente A2 potrà - grazie all'apposito kit di depotenziamento - guidare la Street Cup, e gustarsi il rombo tipicamente british dei nuovi silenziatori in acciaio inossidabile accorciati e alleggeriti, con finitura Satin Black. 


TAGS: intermot 2016 triumph street cup triumph intermot 2016