Autore:
Andrea Rapelli

CICCIO SI RINNOVA La folta schiera di aficionados del ciccio di Hamamatsu avranno di che gioire: all'Intermot di Colonia si è mostrato in tutto il suo splendore il Suzuki Burgman 650 2013, versione totalmente rinnovata dello scooterone jap.

ROTONDO A ben guardare, i designer – pur non stravolgendo le proporzioni vitali – hanno cambiato rotta sul Suzuki Burgman 650 2013: addio alle forme leggermente più squadrate per far posto a linee curve, smussate, anche se ugualmente importanti. Il frontale conquista due luci di posizione a Led mentre gli indicatori di direzione rimangono, come da tradizione, sui panciuti specchietti. Rivista anche la zona posteriore, caratterizzata dall'ampio uso di plastica nera, per un look piuttosto tormentato.

CRISTALLI ADDIO Altra succosa novità è il quadro strumenti del Suzuki Burgman 650 2013, che abbandona i cristalli liquidi per far posto ad un più tradizionale duo analogico (tachimetro+contagiri) inframmezzato da un piccolo display centrale. Non manca pure l'Eco Drive Indicator, che s'illumina quando si agisce con parsimonia sulla manopola dell'acceleratore.

MENO CONSUMI, PIU' SICUREZZA Se l'interasse non si allunga rispetto a quello del Burgman precedente, la sezione posteriore del telaio è stata ridisegnata, per una coda un filo più slanciata. Il cuore del Suzuki Burgman 650 2013, il classico bicilindrico da 638 cc, è stato affinato in chiave ecologica, con riduzione generale degli attriti così come la trasmissione, che mantiene la possibilità di selezionare manualmente le marce e le due 2 diverse modalità di guida: Drive se avete un occhio di riguardo a consumi e comfort di marcia, Power se vi va di tirare. Last but not least, il sistema ABS ora pesa il 55% in meno rispetto alla versione precedente.

GUIDA SU MISURA Come il predecessore, anche il Suzuki Burgman 650 2013 offre la sella con supporto lombare e parabrezza regolabili, un sacco di portaoggetti nel retroscudo e un vano sottosella in grado di contenere ben 50 litri, ovvero due caschi integrali. Non manca, infine, la possibilità di avere il riscaldamento per la sella di pilota e passeggero, utilissimo durante i mesi invernali.


TAGS: eicma 2012 intermot 2012 suzuki burgman 650 2013