Autore:
Paolo Sardi

COME UNA VOLTA La famiglia delle Moto GUzzi V7 si conferma anno dopo anno best-seller dell'aquila di Mandello e per il model year 2014 la tavolozza dei colori viene completamente stravolta. La Moto Guzzi V7 Special abbandona il look bicolore dello scorso anno per riprendere lo schema cromatico reso celebre, a cavallo della metà degli anni Settanta, dalla 750 S e S3. La nuova livrea si chiama non a caso "Essetre" e ha come protagoniste principali strisce oblique che solcano il serbatoio e i fianchetti: nella citazione più fedele e sportiva sono arancio su sfondo nero mentre l'alternativa più elegante è rappresentata da bande nere su carrozzeria grigia.

STREGA COMANDA COLOR Sempre il nero fa da ritornello anche nel resto della gamma delle Moto Guzzi V7 MY 2014 a livello di cerchi, fianchetti, specchi e chi più ne ha più ne metta. Le altre due versioni, tra l'altro, sono già ben note ai fan di Mandello del Lario. La prima è la spettacolare Racer, che vede tutti gli esemplari dotati di targhetta identificativa numerata e con il 7 del campione del mondo Enrico Lorenzetti a fare bella mostra sulle tabelle. Gli altri segni particolari? Ovviamente il telaio rosso e il serbatoio cromato. La seconda è invece la Moto Guzzi V7 Stone, minimalista ma lungi dall'essere la Cenerentola del gruppo; per lei la collezione 2014 prevede tre tinte Rosso Corposo, Verde Agata e il confermato Nero Ruvido. A fare da denominatore comune a tutte le V7 c'è un nuovo volano in bagno d'olio.


TAGS: moto guzzi v7 my 2014 Eicma 2013: tutte le novità