Autore:
Andrea Gatti

CI SIAMO ANCHE NOI Botta e risposta Aprilia-KTM. Aprilia presenta la nuova Dorsoduro 1200? Con tempismo perfetto KTM rilancia ricordando che il segmento delle motard lo ha inventato lei, e a dirla tutta, ha inventato anche quello delle Maximotard. La KTM 990 SM R era la più aggressiva tra le motardone bicilindriche austriache e lo è ancora anche perché è rimasta l’unica in listino. Seguendo a ruota la riorganizzazione della gamma partita con la RC8 e proseguita con la Super Duke, infatti, KTM ha “tagliato” la versione base lasciando in listino solo la R che però nel frattempo è stata aggiornata nella tecnica.

UGUALE MA DIVERSA L’occhio distratto in effetti faticherà a trovare differenze tra il model year 2012 della KTM 990 SM R e il precedente, differenze che in effetti sono minime. Il look è infatti lo stesso così come motore (da 116 cv) e telaio. Quel che cambia sono le ruote prima forgiate ora fuse (stessa operazione fatta da KTM con la RC8), le pinze riadiali, non più monoblocco, e gli steli della forcella ora non più trattati con riporto in DLC ma semplicemente cromati.

ABS DI SERIE In compenso compreso nella dotazione di serie arriva l’ABS Bosch 9+ disinseribile. Insomma resta sportiva e aggressiva la 990 SM R, forse un pelo meno radicale di prima, ma certamente più sicura e anche più economica visto che nonostante l’arrivo dell’ABS di serie vede calare il prezzo di quasi 2.000 € fermandosi a 11.495 € franco concessionario. Prezzo invitante, non c’è che dire, che rende la 990 SM R decisamente più competitiva sul mercato.


TAGS: ktm 990 sm r 2012 abs