Autore:
Stefano Cordara

CORE BUSINESS Particolarmente concentrata sul suo debutto stradale con la Nuda 900R, Husqvarna non dimentica comunque il suo “core business”, ovvero delle moto da cross e da enduro. Di quest’ultime abbiamo parlato poco tempo fa e ora è giunto il momento anche di parlare delle cross, che come le sorelle targate non saranno rivoluzionate ma solo evolute. Si confermano tutte le cilindrate, a partire dalla piccola 65 per arrivare alla strapotente 449. In dettaglio ecco come cambiano le moto per il 2012

CR65 La CR65 riporta in piccolo linee e forme della TC449. Ha ruote da 14/12", è dotata di cambio a 6 marce, telaietto reggisella smontabile e soprattutto sospensioni regolabili sia in estensione che compressione.

CR125 Nuova colorazione per il telaio semiperimetrale in tubi d'acciaio al cromo molibdeno che ora è verniciato in nero. Le novità maggiori sono comunque strutturali, visto che il telaio riceve nuove piastre di rinforzo per irrigidire la zona del cannotto di sterzo. La forcella è Kayaba con steli da 48 mm e regolabile in ogni direzione, il mono è invece un Sachs e sfrutta un leveraggio progressivo. Altre novità per la CR125 2012 sono le grafiche ridisegnate sempre integrate nello stampo mediante la tecnologia InMould

TC250 Per la 250 arriva un nuovo telaio irrobustito e reso più rigido nella zona del cannotto di sterzo con nuove piastre. Come nelle moto da enduro cambia il monoammortizzatore, ora fornito da Kayaba e dotato di ampie regolazioni esterne nei due sensi idraulici (alte/basse in estensione e compressione). Anche la forcella è Kayaba (steli da 48 mm) ed è stata rivista nella taratura con un setting più rigido. Come per la 125, anche TC250 2012 è riconoscibile anche esteticamente, grazie al telaio verniciato in nero e alle grafiche InMould (integrate nello stampo e particolarmente resistenti), e i cerchi ruota anodizzati argento. Nuovi sono anche i mozzetti al manubrio.
Evoluzioni radicali hanno interessato anche il motore che adotta una testata riprogettata, con quattro valvole in titanio che assieme al nuovo pistone offre un consistente incremento di potenza e coppia, si parla addirittura del 10 % mica poco per motori che sono sempre incredibilmente tirati. L’iniezione elettronica è ora fornita dalla Keihin e adotta un corpo farfallato da 46. Interessante l’adozione, di serie, dello scarico Akrapovic già dotato di risuonatore sul collettore.

TC449 Anche sulla TC449 2012, ammiraglia della gamma cross Husqvarna, le grafiche sono state rinnovate nel disegno e l'aggiornamento estetico si completa col telaio (rinforzato rispetto a quello del 2011) a verniciatura nera e i cerchi con anodizzazione silver. Per la 449 gli irrobustimenti interessano però non solo la zona del cannotto di sterzo ma anche le piastre del telaietto posteriore e i supporti motore. Le sospensioni Kayaba hanno ora un setting differente, più rigido per la forcella e più progressivo per il monoammortizzatore che ora ha una partenza più morbida che in passato per irrigidirsi con una progressione diversa. L’impianto elettrico è stato rivisto completamente ed ora è più razionale e leggero. Nuovi sono anche i radiatori WP e la scatola filtro.
Gli obbiettivi sono chiari: migliorare raffreddamento e respirazione del motore.
Il monocilindrico da 449 cc ha ricevuto comunque anche qualche aggiornamento alla ricerca di maggiore potenza e migliore erogazione. Cambia la fasatura di distribuzione e sulle due mappature di accensione/iniezione (selezionabili anche a motore acceso), e per rinvigorire la coppia ai medi regimi è stato cambiato il collettore d'aspirazione. Biella e cuscinetto di biella hanno ricevuto nuovi trattamenti al DLC per migliorare l’affidabilità.


TAGS: husqvarna cross 2012