Autore:
Stefano Cordara


L'UNICO CON IL "BI"
Essere l'unico bicilindrico del segmento ha pagato, così il Silver Wing da quando è arrivato sul mercato è sempre tra i primi in classifica della sua categoria. Un successo che è andato anche a discapito del fratello maggiore 600 che il piccolo 400 ha letteralmente "cannibalizzato" relegandolo a numeri limitati.

ARRIVA LA T Per questo Honda ha deciso di battere il ferro finché è caldo e per il 2009 ne propone una versione ampiamente rimaneggiata che rimpiazza la precedente. Una T nel nome sottolinea un design completamente nuovo che va a toccare ogni elemento del 400 Honda, che appare da subito più slanciato e moderno grazie anche all'arrivo del doppio faro anteriore.


400 CONFERMATO
Insomma, cambiano tutte le sovrastrutture, ma non cambiano le prerogative del 400 Honda che può ancora contare sul suo bicilindrico parallelo da 398 cc che non ha ricevuto modifiche. Anche il lay out ciclistico resta quello noto, ma l'interasse passa da 1.595 a 1.600 mm, mentre il freno anteriore vede crescere di diametro il disco che passa da 256 a 276 mm. L'impianto è sempre servito dal sistema CBS Honda. Disponibile anche la versione con il nuovo C-ABS che sul 600 (che esteticamente resta com'è) sarà di serie.

PIÙ INFORMAZIONI A non cambiare, invece, è la capacità di carico del maxi di Tokyo. Sotto la sella (nuova e con un supporto lombare fisso) resta il"baulone" da 55 litri capace di ospitare due caschi, mentre sono confermati i vani anteriori nel retro dello scudo. Nuova anche la strumentazione a cinque elementi più ricca nelle indicazioni tra cui compare anche quella del consumo istantaneo.


TAGS: eicma 2008 honda silver wing 400 t 2009