Autore:
Alessandro Codognesi

OBIETTIVO DOWN L’obiettivo è abbastanza semplice: permettere ai privati di competere in MotoGP con costi relativamente ragionevoli. Roba mica facile: dopotutto, il Motomondiale è l’espressione dello sviluppo massimo delle Case motociclistiche, se si va al risparmio come si può competere? In Honda credono comunque di avere la ricetta giusta e presentano a Valencia la nuova Honda RCV1000R, che derivando direttamente dalla RCV213 attualmente in lotta per il Mondiale, dovrebbe essere una moto competitiva anche per la prossima stagione.

I FANTASTICI QUATTRO In sella alla Honda RCV1000R correranno quattro piloti; tre sono Nicky Hayden, Scott Redding e Karel Abraham, mentre il quarto è da definire. La moto non sarà più messa a disposizione, come avviene oggi, in comodato ma sarà direttamente venduta. La nuova RCV avrà motore e telaio strettamente derivati da quella attuale, quindi equipaggiata con un V4 a 90° da 175 kW (quasi 240 cv!) a 16 mila giri. Tuttavia, anche per questa versione niente cambio seamless. La moto è stata sviluppata da un collaudatore d’eccezione, tale Casey Stoner, che si è detto entusiasta di come vada la moto ora. Staremo a vedere se ha ragione a esserne così orgoglioso…Intanto, godiamoci l’ultima gara di Campionato questa domenica!


TAGS: honda rcv1000r motogp